Comfort women, le schiave sessuali dell'esercito giapponese

Le Comfort women, le donne di conforto, erano ragazze costrette a far parte di corpi di prostitute creati dall'Impero del Giappone. Con impero giapponese ci si riferisce al periodo della storia del Giappone che ebbe inizio con la Restaurazione Meiji e terminò con la fine della seconda guerra mondiale. Politicamente si riferisce al periodo che iniziò con l'istruzione delle prefetture in sostituzione dei domini feudali, 14 luglio del 1871, e terminò con la resa formale del Giappone, 2 settembre del 1945. Molti documenti relativi alla Corea del Sud affermano che le Comfort women non fossero volontarie, documenti comprovati dalle testimonianze di molte donne che a partire dal 1989 si sono esposte pubblicamente incolpando i soldati giapponesi di averle rapite. La stima del numero di donne coinvolte varia da un minimo di 20.000, citato da storici giapponesi, ad un massimo di 410.000, stando alle dichiarazioni di accademici cinesi. Se le cifre sono ancora oggetto di dibattimento, non lo è la provenienza delle ragazze: le Comfort women provenivano dalla Corea, dalla Cina, dal Giappone e dalle Filippine. Inoltre è documentata che i centri di sfruttamento delle Comfort women impiegassero anche donne provenienti dalla Thailandia, dal Vietnam, dalla Malaysia, da Taiwan e dall'Indonesia.
Secondo le testimonianze dirette, le ragazze dei paesi controllati dall'Impero giapponese venivano prelevate dalle loro case e, dopo essere state ingannate con promesse di lavoro nelle fabbriche, indirizzate alla prostituzione a favore dell'esercito giapponese. L'idea alla base dei centri di prostituzione era quella di prevenire gli stupri di guerra, che avrebbero incrementato l'ostilità dei locali verso i soldati giapponesi. L'esercito giapponese istituì i centri di Comfort women anche per prevenire la diffusione delle malattie veneree ed intercettare lo spionaggio nemico. Uno storico giapponese, Yoshiaki Yoshimi, sostiene che “l'esercito imperiale giapponese aveva il timore che lo scontento covato dai soldati potesse esplodere in sommosse o rivolte. Cosi provvedettero con le comfort women”.  Il primo centro di comfort women fu istituito nella concessione giapponese a Shanghai, nel 1932. Le prime ragazze furono prostitute giapponesi, che si offrirono volontariamente per questo servizio. Nelle prime fasi della guerra, le autorità giapponesi decisero di reclutare ulteriori comfort women con metodi convenzionali. Nelle aree urbane fu utilizzata la pubblicità, anche sfruttando annunci sui giornali che circolavano in Giappone. Con il proseguimento della campagna d'espansione dell'Impero giapponese, i soldati si trovarono senza prostitute al seguito, motivo che portò l'esercito a decidere di sfruttare le donne che vivevano nelle zone conquistate. Per sfruttare queste ragazze, l'esercito giapponese usò l'inganno: molte di loro accettarono le richieste di lavoro fatte dai giapponesi svolgere il compito di operaie o infermiere, non potendo immaginare che sarebbero state costrette a divenire schiave sessuali.
La situazione peggiorò ulteriormente con il proseguimento della guerra: i militari iniziarono a saccheggiare le risorse delle popolazioni locali che avevano conquistato. Le autorità militari presenti sui territori invasi, esigevano che i governanti locali procurassero loro le donne per i bordelli. Quando le popolazioni locali divennero ostili nei confronti degli invasori (fatti che si perpetrarono soprattutto in Cina) i militari dell'Impero giapponese eseguirono la Sanko sakusen, ovvero la Politica dei Tre Tutto: uccidi tutti, saccheggia tutto e distruggi tutto. Tale, violenta, politica dell'esercito comportava il sequestro e lo stupro indiscriminato dei civili. Durante il periodo di esistenza dei centri delle Comfort women, i tre quarti delle donne prelevate con la forza e schiavizzate morì. La maggior parte delle ragazze sopravvissute perse la fertilità a causa dei traumi o delle malattie trasmesse. Tra le varie testimonianze ritrovate, quella di un soldato giapponese, Yasuji, permette di comprendere l'atteggiamento ed il regime di terrore a cui era sottoposte le comfort women: “le donne piangevano ma non c'importava se vivevano o morivano. Noi eravamo soldati dell'Imperatore. Sia nei bordelli militari che nei villaggi, violentavamo senza riluttanza. La violenza e le torture erano comuni”.
Una seconda, agghiacciante, testimonianza è quella di Jan Ruff-O'Herne, una ragazza olandese che, insieme ad altre nove donne, fu rapita dai campi di Giava e costretta a divenire una schiva sessuale dell'esercito giapponese. La Ruff-O'Herne testimoniò di fronte alla Camera dei rappresentati degli Stati Uniti nel 1990 dichiarando: «Molte storie sono state raccontate su orrori, brutalità, sofferenze e inedia delle donne olandesi nei campi di prigionia giapponese. Ma una storia non fu mai raccontata, la storia più vergognosa della peggiore violazione dei diritti umani commessa dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale: la storia delle comfort women, le jugun ianfu, e di come queste donne furono prese con la forza e contro la loro volontà, per provvedere alle necessità sessuali dell'Esercito Imperiale del Giappone. Nei cosiddetti "centri del comfort", sono stata sistematicamente picchiata e violentata giorno e notte. Anche i dottori giapponesi mi stupravano ogni volta che visitavano i bordelli per visitarci a causa delle malattie veneree». Le dieci ragazze olandesi, nei momenti successivi al rapimento, furono condotte in un bordello e fotografate. Le istantanee furono esposte nella sala d'attesa del centro di comfort affinché i soldati potessero scegliere la ragazza da stuprare. Per i quattro mesi successivi, le ragazze furono violentate e torturate; quelle che rimanevano incinte furono costrette ad abortire. Le ragazze sopravvissute furono trasferite in un secondo centro di Comfort prima di essere tradotte in un campo di prigionia nell'ovest di Giava, dove ritrovarono le famiglie. I campi di prigionia furono liberati nel 1945.
Ma la situazione peggiore, forse, si creò in Corea. Durante la seconda guerra mondiale, il regime imperiale giapponese creò un sistema di prostituzione altamente organizzato. Agenti coreani, uomini della polizia militare e militari ausiliari coreani furono coinvolti nel rapimento e nello stupro di migliaia di donne. Dopo la sconfitta, i militari giapponesi distrussero molti documenti per paura di essere perseguiti per crimini di guerra. 
Nel 1965, il governo giapponese pagò 364 milioni di dollari al governo coreano come indennizzo per tutti i crimini di guerra, incluse le ferite procurate alle comfort women. 
Nel 1994, il governo del Giappone creò un Fondo Donne Asiatiche per distribuire compensazioni supplementari a Corea del Sud, Filippine, Paesi Bassi ed Indonesia. Ad ogni sopravvissuta fu consegnata una scusa ufficiale dell'allora Primo Ministro del Giappone. 
Il fondo fu chiuso il 31 marzo del 2007. 
Alcuni storici giapponesi, tra cui Ikuhiko Hata, sostengono che il numero massimo di comfort women utilizzato dal Giappone durante il Secondo conflitto mondiale fosse di 20.000. Lo stesso Hata aggiunse che nessuna comfort women fu reclutata con la forza. 
Alcuni politici nazionalisti giapponesi sostengono che le testimonianze delle ex-comfort women sono inconsistenti ed inverosimili. 
Se tutto questo non fosse accaduto, perché il governo giapponese avrebbe pagato una somma enorme del 1965 come risarcimento per le comfort women? 
Inoltre, perché nel 1994 il Primo Ministro giapponese avrebbe voluto recapitare ad ogni ex-comfort women una lettera di scuse nella quale scriveva: «Come Primo Ministro del Giappone, io dunque rinnovo le mie più sincere scuse e il [mio più sincero] rimorso a tutte le donne che furono sottoposte ad immensurabili e dolorose esperienze e [che] soffrirono ferite fisiche e psicologiche incurabili nel ruolo di comfort women»?

Fabio Casalini

Bibliografia
George Hicks, The Comfort Women. Japans Brutal Regime of Enforced Prostitution in the Second World War, New York, W.W. Norton & Company, 1997 

Maria Rose Henson, Comfort Woman: A Filipina's Story of Prostitution and Slavery Under the Japanese Military, Rowman & Littlefield Publishers, 1999 

C. Sarah Soh, The Comfort Women: Sexual Violence and Postcolonial Memory in Korea and Japan, 2009

FABIO CASALINI – fondatore del Blog I Viaggiatori Ignoranti
Nato nel 1971 a Verbania, dove l’aria del Lago Maggiore si mescola con l’impetuoso vento che, rapido, scende dalle Alpi Lepontine. Ha trascorso gli ultimi venti anni con una sola domanda nella mente: da dove veniamo? Spenderà i prossimi a cercare una risposta che sa di non trovare, ma che, n’è certo, lo porterà un po’ più vicino alla verità... sempre che n’esista una. Scava, indaga e scrive per avvicinare quante più persone possibili a quel lembo di terra compreso tra il Passo del Sempione e la vetta del Limidario. È il fondatore del seguitissimo blog I Viaggiatori Ignoranti, innovativo progetto di conoscenza di ritorno della cultura locale. A Novembre del 2015 ha pubblicato il suo primo libro, in collaborazione con Francesco Teruggi, dal titolo Mai Vivi, Mai Morti, per la casa editrice Giuliano Ladolfi. Da marzo del 2015 collabora con il settimanale Eco Risveglio, per il quale propone storie, racconti e resoconti della sua terra d’origine. Ha pubblicato, nel febbraio del 2015, un articolo per la rivista Italia Misteriosa che riguardava le pitture rupestri della Balma dei Cervi in Valle Antigorio.

Commenti

  1. Si parla sempre e quasi soltanto di nazismo e fascismo e delle relativo mostruosità. Si parla molto meno del resto. Cito, per fare un esempio soltanto, Stalin. Purtroppo tutti i regimi simili sono stati teatro delle medesime efferatezze: torture, stupri ecc... Fatti che fanno provare vergogna ad ogni uomo "normale" per il solo fatto di appartenere alla razza umana. Quando ci rifletto, mi sembra impossibile che un essere umano sia capace di tanta crudeltà. Ma le pagine di storia sono purtroppo piene di queste testimonianze quali siano o siano stati i regimi neri o rossi o gialli verdi blu.. Credo che questo vada raccontato nelle scuole un pochino di più di quanto non si faccia. Ritengo che i ragazzi configurino le mostruosità della guerre principalmente con il nazismo, come se fosse stato il solo capace di fare ciò che ha fatto. E poi (forse) sanno "qualcosa" del Vietnam.. Tutto il resto è forse meno terribile? Se ne parla meno. Se ne parla poco. Invece no. Bisogna raccontare la Storia. Tutta. Questo post è una testimonianza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Celeste.
      Nel nostro raccontare, ad oggi sono oltre 4 anni, abbiamo trattato molti casi di violenze indiscriminate su innocenti, dall'Inquisizione al Vietnam, dalla Cambogia al Nazismo, da Stalin al fascismo.
      Purtroppo, come hai molto ben raccontato, ogni regime ha creato morte ed orrore.
      Spesso nelle scuole si racconta solo ed esclusivamente la storia antica, non come il Novecento sia stato il Secolo Criminale.
      Fabio

      Elimina

Posta un commento