giovedì 13 ottobre 2016

I misteri intorno alla morte di Rino Gaetano

Quel giorno Renzo uscì, andò lungo quella strada, quando un’auto veloce lo investì
[La ballata di Renzo – Rino Gaetano]

Nelle scorse settimane abbiamo pubblicato, a firma di Rosella Reali, un articolo relativo al caso Wilma Montesi, la ragazza ritrovata morta sulla spiaggia di Torvaianica, presso Roma, sabato 11 aprile 1953. Il delitto è tuttora irrisolto.
La spiaggia, tra Torvaianica e Castel Porziano, del ritrovamento del cadavere risponde al nome di Capocotta.
Nulla di strano, uno dei tanti nostri articoli sui misteri di questo paese.
Qualcosa però non tornava, forse meglio affermare che qualcosa sfuggiva.
Immediatamente dopo la lettura dell’articolo, il nome della spiaggia ha iniziato ad incuriosirmi.
Dove l’avevo sentito?
Ero sicuro di conoscerlo ma non ricordavo il motivo.
Il caso giunge dove la memoria vacilla.
Ascoltando una canzone di Rino Gaetano il buio scompare.
Era lui l’autore dei versi che circolavano nella testa da giorni.
La canzone dove appare il nome della spiaggia è Nuntereggae Più, ed esattamente: ue paisà, il bricolage, il quindicidiciotto, il prosciutto cotto, il quarantotto, il sessantotto, il pitentrotto, sulla spiaggia di Capocotta.
Rino avrà cercato la rima?
Non ero convinto: premetto che non avevo mai letto nulla con riferimento alla morte di Gaetano.
Scopro velocemente che nel 1979, durante un concerto sulla spiaggia di Capocotta, Rino affermò: «C’è qualcuno che vuole mettermi il bavaglio! Io non li temo! Non ci riusciranno! Sento che, in futuro, le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni! Che, grazie alla comunicazione di massa, capiranno cosa voglio dire questa sera! Capiranno e apriranno gli occhi, anziché averli pieni di sale! E si chiederanno cosa succedeva sulla spiaggia di Capocotta». 
Per quali motivi avrebbe dovuto spingersi tanto in là?
La frase finale del suo discorso, si chiederanno cosa succedeva sulla spiaggia di Capocotta, si riferiva a quella sera oppure all’aprile del 1953?
Vi conduco avanti nel tempo, sapendo che dovremo tornare indietro.
La vita di Rino s’interruppe tragicamente il 2 giugno del 1981, all’età di 30 anni, in seguito ad un incidente stradale. Già il giorno otto di gennaio dello stesso anno un fuoristrada contromano aveva spinto l’automobile di Gaetano contro il guard rail. L’auto che urtò il cantautore, insieme al suo conducente, si dileguò nel nulla. Rino rimase illeso, mentre l’auto fu completamente distrutta. Il 2 giugno, verso le tre di notte, Rino stava tornando a casa a bordo della sua automobile. Poco prima delle 4, percorrendo Via Nomentana, il cantautore invase la corsia opposta andando ad urtare un camion che stava sopraggiungendo. L’impatto fu terribile, Rino batté la testa contro il vetro e il petto sul volante. Arrivarono i soccorsi ed accertarono che Gaetano era in coma. Rino Gaetano è condotto al policlinico Umberto I, dove furono riscontrate: una rottura alla base del cranio, diverse altre fratture tra cui quella, sospetta, allo sterno. Il policlinico non prevedeva un reparto per la cura delle fratture al cranio. Il medico di turno tentò, invano, di contattare un altro ospedale dotato di un reparto di traumatologia cranica. Furono contattati il San Camillo, il CTO della Garbatella, il San Giovanni, il policlinico Gemelli e il San Filippo Neri.  Nessun posto disponibile per Rino Gaetano. Alle 6 del mattino del 2 giugno 1981 Rino spirò.
Scoppiarono molte polemiche in seguito alla successione degli eventi. Furono aperte un’inchiesta ed una interrogazione parlamentare, la numero 4 – 02031 del 4 giugno 1981.
Siamo alla presenza di un caso di malasanità oppure di una ferma volontà di rifiutare il ricovero di Gaetano?
Profetiche le parole di una canzone scritta dallo stesso Gaetano dieci anni prima, la ballata di Renzo presente nei quaderni personali del cantautore con l’originale titolo di Quando Renzo morì io ero al bar. Proviamo a rileggerle insieme:
Quel giorno Renzo uscì
andò lungo quella strada
quando un’auto veloce lo investì
quell’uomo lo aiutò e Renzo allora partì
per un ospedale che lo curasse per guarir
[...]
La strada molto lunga
S’andò al san Camillo
E lì non lo vollero per l’orario.
La strada tutta scura
S’andò al san Giovanni
E li non lo accettarono per lo sciopero.
[...]
Con l’alba,
le prime luci
s’andò al policlinico
ma lo respinsero perché mancava
il vice capo
[...]
Profezia?
Gaetano aveva poteri divinatori?
Altre profezie le aveva scritte?
Ricordo «Mio fratello è figlio unico, perché è convinto che Chinaglia non può passare al Frosinone». Chinaglia non passò al Frosinone ma la squadra di calcio, che allora militava tra serie C e D, negli ultimi anni ha conosciuto la serie A: non era prevedibile negli anni settanta.
Torniamo al mistero di quelle parole scritte sulla sabbia.
Cercando non ho trovato riferimenti precisi alla spiaggia di Capocotta e all’omicidio di Wilma Montesi.
Le parole raccontate sulla spiaggia si riferiscono ad altro?
Nel caso in cui non vi fossero riferimenti al caso Wilma Montesi, lontano oltre 25 anni dall’incidente del 1981, per quali motivi si parlò di complotto in relazione alla morte del cantautore?
Dobbiamo retrocedere nella linea del tempo.
L’avvocato Paolo Franceschetti parlò d’assassinio massonico per Rino Gaetano. Un secondo avvocato, Bruno Mautone, ha ripreso questa visione asserendo che il cantautore poteva essere un adepto di una loggia massonica e che avesse a disposizione un insieme d’informazioni, nascoste alla maggioranza della popolazione, sui misteri d’Italia. Mautone non si ferma a questa prima asserzione spingendosi a dichiarare che Gaetano si sarebbe successivamente pentito dell’appartenenza e che avesse iniziato ad esternare rivelazioni, sotto forma d’allegorie e metafore, nelle sue canzoni. Questo fatto potrebbe aver infastidito il gruppo massonico di cui faceva parte, che avrebbe deciso per la soluzione finale: l’eliminazione fisica del cantautore.
I due avvocati su cosa basano le loro dichiarazioni?
Sulla presenza della rosa in molte canzoni di Gaetano. Prima di analizzare i testi vorrei ricordare che la Massoneria utilizza il simbolo della rosa, spesso affiancata da un pellicano che si squarcia il petto per nutrire i propri piccoli con il sangue. La rosa è utilizzata durante lo svolgimento d’alcuni riti, tra cui il funerale di un fratello: quest’occasione prevede che tre rose siano gettate nella tomba, con il significato di luce, amore e vita.
La rosa appare in diverse canzoni scritte da Rino: Rosita, Cogli la mia rosa d’amore e Al compleanno di Zia Rosina. Tutte le canzoni sono incluse nell’album Mio fratello è figlio unico.
I massoni tra loro si chiamano fratelli.
Gaetano decise di allontanarsi idealmente dalla massoneria dedicando a questo fatto non solo una canzone ma un intero disco?
In una delle tre canzoni citate, Al compleanno di Zia Rosina, possiamo leggere – o ascoltare:
[...]
Vedo già la mia salma portata a spalle
Da gente che bestemmia che ce l’ha con me
Povera povera povera la mia cara
Le racconterò di Cleme e rideremo insieme
[...]
In queste righe voleva farci comprendere che i fratelli massoni avrebbero portato a spalla la sua bara durante il funerale?
Interessante anche il verso le racconterò di Cleme e rideremo insieme.
L’avvocato Mautone suggerisce che Cleme sia il diminutivo di Clemente XII, papa che emanò la bolla contro la massoneria.
Rino Gaetano massone pentito?
In una delle ultime canzoni, Io ci sto, appaiono le seguenti parole:
[...]
Mi dicono alla radio, statti calmo, statti buono
Non essere scalmanato, stai tranquillo e fatti uomo
Ma io con la mia guerra voglio andare sempre avanti
E costi quel che costi, la vincerò non ci son santi
[...]
L’album, con titolo omonimo della canzone, risale al 1980, pochi mesi prima dell’incidente.
In conclusione: Rino Gaetano entrò nella massoneria ma rimase deluso dal mondo che lo circondava. Nel frattempo era venuto a conoscenza di misteri, nascosti alla popolazione. Trovò il coraggio di creare un sistema di simboli e metafore per nascondere questi misteri nei testi delle canzoni, sino a quando gli diedero la possibilità di farlo.
La spiaggia di Capocotta avrebbe un senso in questo strano mondo: Gaetano sapeva chi aveva ucciso la ragazza nel 1953 e le parole a margine del concerto, tenutosi sulla spiaggia del litorale romano, sarebbero legate all’evento di Wilma Montesi e non alla prosecuzione dell’attività professionale del cantautore.
Il riferimento «Capiranno e apriranno gli occhi, anziché averli pieni di sale! E si chiederanno cosa succedeva sulla spiaggia di Capocotta» è dovuto al fatto che la ragazza fu trovata con il volto rivolto verso la sabbia?
Se invece le parole fossero in relazione al sale ed alla sabbia gettata negli occhi degli italiani?


Fabio Casalini


Riferimenti bibliografici
Bruno Mautone, Rino Gaetano. La tragica scomparsa di un eroe, Grisignano, L'ArgoLibro, 2013

Gian Luigi Caron, Gianna - Rino Gaetano, un cantautore controcorrente, Lampi di stampa, 2015

Bruno Mautone, Chi ha ucciso Rino Gaetano? Il coraggio di raccontare: un'indagine tra massoneria, servizi segreti e poteri economici, Marene, Revoluzione, 2016

14 commenti:

  1. Interessante, stavo proprio leggendo un mese fá non conoscendo tutte le canzoni del grillo parlante, perché incuriosito per il suo talento nel creare testi così complessi per la sua giovane età, molti sono nonsense a scopi musicali e di rima, ma addentrandomi nella ricerca di video interviste disponibili su youtube mi accorsi che morì in questo incidente e dalle voci complottiste , dicevano che fava fastidio a molti appunto per la canzone non te reggae più e verso i petrolieri,ma mi sembra van Campati in aria.C'é anche una intervista di lui con Costanzo e la signora Agnelli.. ma mi erano sfuggiti i riferimenti che hai citato.. Grazie
    „Beati i bulli di quartiere perché non sanno quello che fanno | ed i parlamentari ladri che sicuramente lo sanno. (R.g. Le beatitudini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. McAnd sino a pochi gg fa anche io pensavo ai nonsense poi quella parola di un nostro articolo mi ha aperto un mondo. Capocotta perché? È nato tutto così! Grazie!

      Elimina
  2. Sono cresciuta con mio padre che lo ascoltava e i tanti testi li conosco a memoria.... Mi ha sempre affascinato questo mistero nascosto dietro la sua morte ma non lo avevo letto in questo modo... Mi chiarisci molto . Rimane uno dei profeti della musica, alcuni testi sono più attuali oggi che 30 anni fa! Grazie Fabio! Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo!
      Certo quando dici "sono cresciuta con mio padre che lo ascoltava.." un pochino passato inizio a sentirmi!
      A parte gli scherzi, come detto non ero dentro gli eventi della morte sino all'articolo di Rosella Reali sul caso Montesi: in quel momento si è aperto un mondo.
      Fabio

      Elimina
  3. Bravissimo Fabio
    Complimenti

    RispondiElimina
  4. Ciao Fabio. La morte di R. Gaetano non mi sembra rientri nel novero delle morti eccellenti "volute" dall'alto tipo Marylin Monroe, ma tutto può essere. Vi sono vicende, presumibilmente paranormali, che rientrano certamente nell'ambito della semplice aneddotica, pur tuttavia degne di una certa curiosità e menzione per l'importanza del personaggio "illustre", diventando poi suggestive e coinvolgenti. Gaetano non sembra poi, per come andò a finire, avesse avuto veramente una premonizione tutelare... Ossia una di quelle premonizioni che sembrano avere lo scopo preciso di mettere in guardia contro un pericolo per scongiurarlo.

    Una vicenda questa che fa ricordare quel grande artista (uno dei miei preferiti) che fu G. Segantini, nato ad Arco di Trento, caposcuola di quella tecnica pittorica detta del "divisionismo", era chiamato il "Solitario della Maloja". La Majola è un passo a quota 1800 delle Alpi Retiche in Svizzera, luogo amato dal pittore che lì fu sepolto. Segantini morì quasi all'improvviso mentre stava dipingendo il Trittico della Natura destinato ad essere esposto a Parigi.

    I primi due quadri avevano come titolo La Natura e La Vita e rappresentavano luminose scene d'alta montagna. Il terzo riquadro recava per titolo La Morte. Nel quadro La Morte, si scorge a destra una baita, all'esterno della quale alcuni uomini portavano una bara, simbolo della morte che da il titolo al quadro. Mentre stava appunto dipingendo il "Trittico" sullo Schalberg, il pittore fu colto da malore. Fu trasportato esattamente in quella baita raffigurata nel suo quadro descritto sopra, e qui morì dopo alcuni giorni. Coincidenza? Premonizione??

    A mio avviso il fatto centrale è sempre l'INTERIORITA' UMANA, che diventa un tramite dalle molte possibilità, se è adeguatamente sollecitata, se,come nei sensitivi e negli artisti, è collegato ad una personalità che, oltre a rivolgersi all'esterno di sè, si rivolge spesso all'interno di sè, lontano dalle infinite distrazioni del nostro mondo, per tendere l'orecchio interiore ed ascoltare, percepire, echi di un altro tipo di realtà.
    Un saluto a te caro amico e alla FLOREALE Rosella.
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malles ciao. In questo caso siamo guardiano nel torbido più che in altri eventi. Molto è basato su sensazioni personali degli avvocati che per primi hanno tirato le fila. Mi ha colpito molto la frase della canzone su Capocotta - perché mai avrebbe dovuta inserirla in una canzone? - ed il fatto che proprio in quel luogo abbia parlato a lingua sciolta. Se su Giuliano - grazie ad aiuti esterni e molto competenti, di più non potevo chiedere - il quadro si va dipingendo su Gaetano presumo rimarrà una bella cornice....
      Fabio

      Ps avviso la floreal Rosella che ancora non ha battuto colpo in questo articolo

      Elimina
  5. Eccomi con una pioggia di girasoli,portatori di sogni piacevoli.... mai come i papaveri. Sono contenta di essere motivo di spunto e riflessione Fabio. Un collegamento inaspettato e interessante. Rino era avanti, per testi, musica e look, che conta e non poco. Che fosse SCOMODO lo dicevano in molti. Come altri impegnati. Lui forse più coraggioso cantava il suo tempo senza maschere. Tu sei maestro nei collegamenti. Li rendi in modo fluente e semplice. Ci conduci nel tuo mondo ordinato dove causace conseguenza hanno una logica inoppugnabile.
    Mi hanno sempre insegnato che spesso la soluzione più semplice è quella corretta. Con te non si sa mai.
    Caro Malles mi piace il tuo commentare, mai scontato e sempre istruttivo. Un saluto a tutti e due e... sotto col prossimo lavoro! Rosella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosella.
      Ho imparato ricercando sul rito del "ritorno alla vita dei bimbi nati morti" che la soluzione è sempre a portata di mano ed anche la più semplice. I bimbi tornavano alla vita? chiaramente no. Allora perché lo facevano?
      La risposta a quella domanda, la più semplice di tutte, mi ha insegnato molto.
      Moltissimo.
      In questo caso vi sono talmente tante circostanze anomale che non so neppure io dove sia la verità e, parafrasando il titolo di un film uscito in questi giorni, la verità sta in cielo... per quello che è sempre più blu...
      Fabio

      Elimina
  6. Fabio.... a furia di guardare in cielo si rischia di restare abbaglianti. I misteri della terra sono tanti. Rosella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proviamo a guardare in un giorno di pioggia....
      Fabio

      Elimina
  7. è sempre un piacere "ascoltarvi"...intelligenza competenza e sensibilità x ogni argomento.fatto persone ....graziee francesca.c

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, scusa il ritardo!
      Grazie di cuore per i bellissimi complimenti, l'unica benzina di questo progetto!
      Fabio

      Elimina