Mentre è ancor assenza

Dissolvi cupidigia, 
Mortal l’abbraccio implode 
Or sol nel sopirar del sogno
Ove acuta giunse in canto la tua venuta, 
nell’ora tenera della notte 
mentre ancor non mi appartengo 
mentre ancor non vivo 
e a te immobile
somiglio 
mentre ancor mi stringi 
e al risveglio mi costringi 
mentre ancor l’essenza odo 
mentre ancor è di nuovo il giorno 
mentre ancor è vita
mentre è ancor il tempo 
mentre è ancor assenza. 

Simone De Bernardin


Commenti

  1. Molto bella anche questa Simone. E la foto ben si accompagna alle parole. Rosella

    RispondiElimina
  2. Sempre troppo gentile Rosella ! Grazie mille

    RispondiElimina
  3. Simone non regge una penna, ma una lucerna che spande luce ed ombre. Le sue espressioni hanno un senso interno (per lui), coinvolgente ed esterno (per noi), indipendentemente dalla poesia proposta.

    La foto ostenta calma ma pure inquietudine. Mi viene in mente un'antica canzone, recentemente ascoltata: "L'uomo in frac".
    Un voluttuoso e rassicurante abbandono nel liquido elemento, quasi fosse amniotico..., un lasciarsi andare verso un orizzonte più integrante e pacato.
    Un saluto
    Malles

    RispondiElimina

Posta un commento