Un tempio d'eretici in Lombardia: Santa Maria dei Ghirli a Campione

Cademario (Ch) - Affreschi in S. Ambrogio Vecchio (XV sec.)
Nello scorso articolo abbiamo trattato diffusamente il ciclo d’affreschi completato il 23 giugno 1400 sotto il portico esterno di Santa Maria dei Ghirli a Campione, enclave italiana in terra svizzera, soffermandoci sulla loro spiazzante unicità, sia stilistica, sia iconografica.
Dal punto di vista pittorico i misteriosi de Veris, padre e figlio, alimentando il senso di dramma ed esasperazione collettiva con un espressionismo inedito e nordicizzante, sembravano quasi dichiarare guerra ai modelli ufficiali e gotico-cortesi della corte viscontea. Dal punto di vista iconografico poi, padre e figlio azzardarono la fusione anomala tra il tema del Giudizio Universale e quello, allora molto diffuso, dei Trionfi della Morte.
Tuttavia, il cuore dell’enigma da scoprire si cela nel senso teologico del ciclo, insito nel rapporto con il dramma finale: di fronte la figura iconica del Cristo Giudice i peccatori, in attesa del proprio destino oltremondano, venivano privati di Maria e di tutti i Santi intermediari…quasi a inaugurare una dichiarazione di protesta luterana ante-litteram.
Timori apocalittici sulle rive del lago di Lugano, alimentati da committenti in odore di eresia.
Chi poteva aver richiesto una simile opera? In un’epoca apparentemente priva di scismi e calamità, faceva la sua apparizione una congrega misteriosa: quasi una setta segreta di accoliti, riuniti con finalità di mutua assistenza.
Cademario (Ch) - Affreschi in S. Ambrogio Vecchio (XV sec.)

* 1a tappa: in Svizzera. Oltre il confine, in cerca di cicli pittorici affini.

Li abbiamo scovati: il più significativo è conservato a Cademario, nella chiesa di Sant’Ambrogio; il secondo in Sant’Abbondio a Mezzovico: trovare due luoghi di culto, uno dedicato a un santo ambrosiano, l’altro a uno santo comasco a pochi chilometri di distanza l’uno dall’altro la dice lunga sulla storia complessa di queste terre da sempre contese tra potentati lombardi e leghe svizzere.
Un’analisi ai resti del ciclo eseguito nella chiesa cimiteriale di Cademario, riferibile alla prima metà del '400, ci porta a ritrovare l’iconografia del Cristo in trono e dalla posa particolare, già visto a Campione; nel registro inferiore, rovinatissimo, vi è anche l'Inferno a sfondo rosso. Fra i pochi brandelli superstiti si riconoscono Giuda impiccato ad un albero e una scena di elemosina. A Cademario, come a Mezzovico, gli anonimi imitatori dei de Veris provarono l’impellente esigenza di aggiungere una lunetta superiore abitata dalla Vergine in gloria adorata dagli Apostoli inginocchiati. Ai lati sono raffigurati anche i santi Sebastiano e Rocco, protettori per eccellenza dalla peste. Si tratta degli intercessori che a Campione mancavano. Evidentemente, la questione iconografica non passò inosservata nemmeno ai contemporanei, anzi! Come mai?
E’ ancora troppo presto per rispondere a questo dilemma. Nel frattempo, la prima tappa ci ha rivelato il primo indizio da seguire: la peste incombente e i tentativi di esorcizzarla.
Pisa - Trionfo della Morte, particolare (Buffalmacco, metà del XIV sec.)

* 2° tappa: Toscana: a Pisa, di fronte al Trionfo della Morte di Buffalmacco

Ammiriamo uno dei più famosi Trionfi della Morte, antecedente di ben sessant’anni rispetto al nostro affresco: fu eseguito nel 1336-41 su committenza, questa volta “regolare”, dei frati domenicani, per il Camposanto di Pisa: un grande ciclo, un tempo incombente sulle pareti del cimitero medievale, luogo in cui si aggiravano frati ansiosi di moralizzare la società del tempo con la predicazione e con le immagini dipinte. Il Trionfo della Morte è  strettamente legato alle credenze di una cultura, quella dell’uomo medievale, in un’epoca in cui lo spauracchio del decesso era percepito come minaccia onnipresente e incontrollabile: un castigo divino per i peccati commessi. Il grande affresco, stilisticamente ancora d'impronta giottesca, è dominato anche qui dalla credenza dell’Apocalisse con scene che alternano il gusto per l'orrido a tendenze comico-grottesche. Le dame e i cavalieri simili a quelli che nel “Liebesgarten” di Campione venivano incalzati da un demone dal soffio pestilenziale qui vanno a caccia in gruppo con vesti eleganti; purtroppo per loro, non avranno mai il tempo di godersi le delizie della vita cortese: la tragedia della morte trionfante sul mondo terreno già incombe su tutti!
Di fronte a un gruppo di tombe scoperchiate, un cavaliere si tappa il naso. Sono i cadaveri degli appestati dell'epidemia catastrofica del 1348 che decimò la popolazione europea.
In alto si consuma la battaglia tra Angeli e Demoni per la contesa delle anime dei defunti. Anche qui san Michele, con la spada stretta nella mano destra, ordina agli altri arcangeli di smistare le anime.
S. Maria dei Ghirli, Campione (Co) - San Michele smista le anime (XIV-XV sec.)
Caso più unico che raro, nel 1348 il Ducato Visconteo scampò miracolosamente alla grande peste: se ricordiamo però che il male, ormai endemico, penetrò infine in Lombardia nel 1399, causando violenti turbamenti nella società di allora e perfino la tragica morte (1402) del duca Gian Galeazzo Visconti detto il “conte di Virtù” possiamo finalmente comprendere le reazioni che determinarono espressioni figurative analoghe a quelle del Trionfo della Morte pisano anche nel ciclo di Santa Maria dei Ghirli di Campione: il Ducato milanese, a un passo dalla conquista  di Firenze e di tutto il centro Italia, perdeva di colpo il suo paladino migliore, e con lui il benessere e  le certezze godute per mezzo secolo.
La seconda tappa ha svelato il ritrovamento del secondo indizio: i turbamenti esistenziali del tempo. Questi toni pauperistici ed escatologici ci riportano all'ardua e sempre attuale questione circa la povertà originaria di Cristo: il problematico ritorno alla purezza che, ciclicamente, turbava gli animi degli uomini, di Fede e non. Il più grande effetto a catena era stato inaugurato alla radice dall’abate calabrese Gioacchino da Fiore, (1130-1202). Figura paradigmatica quella di Gioacchino, poiché con lui erano venuti al pettine i nodi irrisolti della problematica coesistenza, nella struttura gerarchica della Chiesa medievale, di opposte tendenze: da una parte quella razionale e intellettuale dell’Alta Scolastica, dall'altra quella intransigente e mistica, in lotta per il ridimensionamento del potere mondano del Clero. 
Tomba di Gian Galeazzo Visconti - Certosa di Pavia (Cristoforo Solari, 1495)
Nei suoi scritti l’abate aveva profetizzato con larghissimo anticipo l'avvento di un nuovo ordine di monaci che avrebbero rinnovato la Chiesa e con essa il mondo. Molto più tardi, tra il 1322 e il 1368, nell'area compresa tra la Francia del sud e l'Italia settentrionale, feroci diatribe intaccarono gli stessi fondamenti dell'Ordine dei Francescani, al punto da causare scissioni interne tra i cosiddetti Osservanti, i Conventuali e i più rigorosi Spirituali. Questi ultimi, identificandosi nel “Nuovo Ordine”, potenziarono il messaggio originario di San Francesco, loro patrono, con quello visionario di Gioacchino e con i testi apocalittici apocrifi a lui attribuiti. Divenuti influenti in varie città importanti come Firenze, in seguito alla duplice sosta effettuata da san Francesco in nord Italia  (1215 e 1221), i predicatori Francescani trovarono terreno fertile anche a Milano. Nel 1230, con l’edificazione del San Francesco Grande in contrada S. Ambrogio ossia la più grande chiesa milanese prima dell’edificazione del Duomo (1386) la spuntò l'ordine degli Osservanti. Il complesso contiguo era. provvisto di una scuola di teologia e di un dormitorio, In breve tempo, presso la chiesa francescana di Milano il numero di frati aumentò notevolmente: nel 1457 i pellegrini raggiungevano ormai la notevole cifra di centomila persone.
Siena, San Domenico - esempio di architettura d'ordine mendicante (XIV sec.)

* 3° tappa: indietro nel tempo, nel cuore della Lombardia eretica.

Pur con duecento e più anni d’anticipo, le idee di Gioacchino da Fiore e degli Spirituali, ritenute potenzialmente eretiche, sopravvissero nel movimento ereticale dei Fraticelli che nel 1381-89, poco prima dell’esecuzione degli affreschi campionesi, furono oggetto di ordini d’espulsione e “roghi purificatori” protrattisi, perlomeno nelle Marche, fino al 1428. Alla fine del secolo gli Spirituali, confluendo  nell'ordine degli Osservanti, parvero scrivere la parola fine all’intera questione. Non fu così.
La fase di maturazione conclusiva per l'Osservanza si sarebbe concretizzata con l'adesione al movimento di grandi personalità come quella di san Bernardino da Siena, grazie al quale le vecchie tendenze eremico-contemplative lasciarono via via il passo allo studio e alla predicazione.
Non per nulla nel '500 anche lo "xenodochio", ossia l’ospizio per viandanti di Campione fu marchiato a fresco col simbolo con “l’orifiamma di san Bernardino”: eppure, questa prepotente presa di possesso da parte dei Francescani di un luogo che ne aveva condannato le nefandezze con affreschi eterodossi ha il gusto amaro di un’appropriazione indebita: nuove ombre celano la verità, in Santa Maria dei Ghirli. 
Se tutto pareva ormai spiegato, ora scopriamo che il cerchio non si è ancora chiuso.
 Orifiamma di San Bernardino - S. Maria dei Ghirli, Campione d'Italia (Co) 
I problemi che la Chiesa dovette affrontare, prima con Gioacchino da Fiore, poi con San Francesco e gli Spirituali, pur coinvolgendo tutta Europa, ebbero come epicentro l’Italia centrale e sempre lì, addomesticate o soppresse dalla Chiesa ufficiale, si risolsero più o meno facilmente.
La Lombardia invece, che già in passato aveva vissuto l'esperienza dei dissidenti patarini in cerca di povertà, umiltà e semplicità contro la scarsa moralità e l'eccessiva interferenza del clero negli affari mondani (XI-XIII sec) era aperta anche, anzi soprattutto agli influssi ereticali provenienti dal Nord.
Perfino gruppi di eretici Catari, fautori di una nuova purezza spirituale di tipo oltranzista, nonché di una vera propria Chiesa alternativa a quella Cattolica Romana, sopravvissuti allo sterminio albigese patito in Francia del sud, agli inizi del Duecento si rifugiarono nella pianura Padana: la loro sede era  Concorezzo, in Brianza.
La carica sovversiva dei Catari era deflagrante: l’idea che, per ricoprire una carica importante, non si dovesse essere necessariamente ricchi o nobili portava il discorso ai limiti della rivoluzione sociale. L’avventura dei Catari in Pianura Padana però ebbe vita breve: presto a Como, a Milano, in Piemonte, a Piacenza e a Verona si accesero nuovi roghi. Eppure, più che il massacro in massa, pare che a dare il colpo di grazia agli ultimi Catari sarebbe stata la loro vocazione all'isolamento dalla società…
Rocca di Queribus, nido di Catari - Francia, Mìdi Pirenei (XI sec.)
Ed eccoci giunti al nodo cruciale della controversia: mentre Gioacchino da Fiore predicava in Italia, in Francia un uomo ancor più coraggioso propose la sua via personale. Pietro Valdo, (1140-1206)  detto “Valdesius”.
Si trattava di un ricco mercante di Lione, che verso il 1172 decise di abbandonare tutti i suoi averi donandoli ai poveri e alle chiese del luogo per ritrovare la povertà di Cristo. Predicando il Vangelo, il lionese lo fece tradurre in volgare allo scopo di renderlo accessibile a chi non conosceva il latino.
Il largo anticipo con cui Valdesio precorse non solo le novità portate da San Francesco, ma perfino la Riforma Luterana, ha dell’incredibile. Unica nota stonata, la via di predicazione preferenziale del lionese contemplava anche una lotta senza quartiere contro gli eretici, in particolare contro i catari.
Se, tuttavia, si trattava di una guerra intrapresa anche dalla Chiesa ufficiale, allora perché papa Lucio III incluse nella lista degli eretici da perseguitare anche i “pauperes de Lugdunum”, i poveri di Lione?
Il motivo è presto spiegato: Valdesio e seguaci, predicando senza autorizzazione, usurpavano le funzioni della Chiesa. Perché lo facevano? Perché il Clero incaricato di perseguitare gli eretici, sostenevano i seguaci di Valdo, non avevano né le capacità né la volontà di farlo.
Frate e monaca concubinari - S. Maria dei Ghirli, Campione d'Italia (Co) 

In Lombardia il rapporto tra i Valdesi e le realtà circostanti non fu conflittuale come Oltralpe. Ciò gettò le basi per una sorta di tacito “patto di non belligeranza” con gli odiati catari, al fine di condividere i propri insediamenti con loro e altri gruppi di eretici. L'unione fa la forza.
Entrati in contatto con le potenti istituzioni comunali, il successo fu tale che a Milano i Valdesi ottennero una “Schola” tutta loro per riunirsi a predicare pubblicamente il Vangelo, in competizione con i Francescani Osservanti.
Nonostante il riconoscimento di Papa Innocenzo III (1208)  gettasse le basi per la nascita di un vero e proprio ordine religioso controllato dall'alto, coloro che restavano ancora fedeli all'idea delle origini, in parte francesi (ultramontani) in parte lombardi (ytalici), declinarono l’offerta.
Il rifiuto di essere addomesticati dalla Chiesa di Roma, che peraltro continuava a considerare il fondatore Valdesio “come uno dei più tignosi eretici”, avrebbe trasmesso alla successiva storiografia protestante l’esempio vivente di “un testimone della verità repressa” dal papato oscurantista.
S. Maria dei Ghirli, in veste Sei-Settecentesca - Campione d'Italia (Co) 

* 4° tappa: tornando a Campione…la verità torna a galla.

“Patto di non belligeranza” con i odiati catari, condivisione degli insediamenti con altri gruppi di eretici: è così che si svelano nuovi moti anticlericali insabbiati dalla storia ufficiale, e con essi il ruolo di Santa Maria dei Ghirli. Proprio sul finire del Trecento, anche col contributo della peste e l’ingresso nel nuovo secolo, nel ducato di Milano era in corso lo scontro tra due opposte fazioni religiose: da una parte quella dei Bianchi, attivi in seno alla Chiesa e particolarmente devoti alla Vergine; dall’altra. piccoli gruppi strettamente aderenti al principio neotestamentario secondo cui “bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (Atti 5,29), in cerca di un contatto diretto con Dio che rifiutava  qualsiasi gerarchia ecclesiastica: probabilmente, si tratta sempre dei Valdesi.
Questo dilagante fenomeno sociale, basato soprattutto sulla comunicazione orale e su commenti alle Sacre Scritture andati tutti bruciati, a Campione d’Italia sopravvisse sulle pareti affrescate del ciclo di Santa Maria dei Ghirli.
La verità è così svelata: la drammatica rappresentazione di Campione andrebbe letta come espressione delle aspirazioni di misticismo e spiritualità, alla ricerca di un contatto diretto con Dio volto rifiutare qualsiasi gerarchia ecclesiastica. Queste sono le stesse aspettative nutrite da molti abitanti del piccolo mondo delle valli alpine e prealpine, lombarde e svizzere, ispirati dalle idee giunte fin qui dalla Provenza e dalla Germania.
Capitello con maestranze di scultori - Francia, Conques, Mìdi Pirenei (XII sec.)

E così, con la quarta tappa, ci prepariamo a svelare anche l’ultimo enigma circa la misteriosa “schola” di committenti del ciclo.
Se, secondo Pietro Valdo, i predicatori non dovevano lavorare, bensì vivere in povertà e di offerte sul modello di Cristo e dei suoi apostoli al fine di scampare alla brama di ricchezze e alla corruzione, i predicatori Valdesi di Lombardia, separandosi da Valdo e scegliendosi un nuovo capo nella persona del piacentino Giovanni da Ronco detto il Buono, coltivarono invece un nuovo principio che più lombardo di così non poteva essere: ritenendo che il lavoro nobilitasse l’anima, essi entrarono a far parte di comunità di lavoratori, proprio come le maestranze Campionesi: gruppi di scultori, architetti e pittori organizzati anche su base famigliare che, ricordiamolo, partendo da qui svolsero un ruolo di grande rilievo nella storia dell'arte italiana ed europea per tutto il XIV secolo e oltre.
La “schola” commissionaria degli affreschi di Campione andrebbe verosimilmente identificata con gli “eretici” scampati ai massacri, provenienti da svariate correnti pro-operistiche, popolari, apostoliche e “fraticelliste”, unite dalla tregua tra Valdesi e Catari e dalla comune certezza che la salvezza personale, senza intermediazioni di sorta, oltre che dalla Fede dipendesse anche dall'impegno personale nel mondo concreto. E’ più che probabile che il santuario, nel quale non si sono mai officiate cerimonie abituali, costituisse luogo di ospitalità e rifugio per gli eretici lungo la strada tra il passo alpino del San Gottardo e la pianura Padana.
Come tutti i movimenti detti "ereticali", anche quello valdese fu oggetto di repressioni e persecuzioni sanguinose da parte dei poteri civili e religiosi ma, a differenza dei catari, non si fece piegare dall’inquisizione. Vivendo in clandestinità, spesso celandosi in zone marginali, il movimento valdese, si affacciò al XVI secolo e nel 1532, aderendo alla Riforma protestante calvinista, sopravvisse. Quando “l’orifiamma di san Bernardino veniva dipinta sulla parete dell'ospizio per i pellegrini di Campione, gli “eretici” se n’erano già andati. Oggi i Valdesi vivono sotto l’ala della Chiesa Protestante in forma di confessione riconosciuta, evangelica e riformata.

Marco Corrias (alias Marc Pevèn)

Un ringraziamento a Claudia Migliari per la foto dell'orifiamma di Campione

BIBLIOGRAFIA:
Algeri, G. Pittura in Lombardia nel primo Quattrocento, in La Pittura in Italia, Milano 1987
Bandera, S. Il Tardogotico, in Pittura a Como e nel Canton Ticino, Milano, 1994
Bellosi, L, Buffalmacco e il Trionfo della Morte. Torino, E, 1974.
Bianconi. P. La pittura medievale nel Canton Ticino, Milano 1939
Gregori, M. A proposito dei De Veris, in Paragone, VIII, Milano, 1957
Merlo, G. G. Valdo. L'eretico di Lione, Torino, Claudiana, 2010
Matalon, S., Mazzini, F. Affreschi del Tre e del Quattrocento in Lombardia, Milano 1958
Percivaldi, E, La vita segreta nel Medioevo, Milano, 2013
Rutz, V. Segre. Intorno agli affreschi di Lanfranco e Filippolo de Veris a Campione, Milano, 1988
Toesca, P. Il Trecento, Torino 1951
Toesca, P. La pittura e la miniatura nella Lombardia, Torino 1966

Commenti

  1. Bravo Marc!! molto interessante il percorso che hai scelto. Poi sfondi un portone aperto!!! Fabio

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la scelta iconografica Marco! L'impatto visivo aggiunge grande forza al testo!
    Carola

    RispondiElimina
  3. poi citando catari, Pietro Valdo etc... come dire.. è da leggere senza se e senza ma!!!
    Fabio

    RispondiElimina
  4. Grazie! In effetti Fabio, con l'intenzione iniziale di rileggere un capolavoro d'arte poco conosciuto, ho sconfinato nel tuo ambito senza nemmeno accorgermene ;)

    RispondiElimina
  5. Seguo sempre incuriosita...grazie Marc per questo articolo molto interessante! Complimenti
    Graziella

    RispondiElimina
  6. Ma grazie a te che mi segui sempre! :)

    RispondiElimina
  7. Complimenti Marco! Il tuo guidarci con semplicità tra questi affreschi fa crescere interesse e voglia di vedere in chi legge. Rosella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ros. cercare di guardare con semplicità tra le cose complesse: la soluzione è questa ;)

      Elimina

Posta un commento