lunedì 29 giugno 2015

Quando da Torino l'Angelo chiamerà Le Penseur...

A Torino manca qualcosa.
A Torino, città dalla magia enigmatica ed intessuta di reticoli in chiaroscuro di leggende, metà di luce e metà di ombra (oppure di luce ed ombra insieme, che del resto non possono esistere l'una senza l'altra) - manca l'enigma del gotico, manca il chiaroscuro dei pinnacoli e dei rosoni di una cattedrale medievale.

martedì 23 giugno 2015

Lo sguardo della Maddalena

La bellezza di una donna non dovrebbe dipendere dall'abito che indossa.
La bellezza di una donna dovrebbe risaltare dallo sguardo, dai suoi occhi.
Tutto inizia con uno sguardo.
Tutto finisce con uno sguardo.

lunedì 22 giugno 2015

La piccola morte.

Sedeva pallida sulla riva docile del lago,riparandosi dall'arsura estiva nella penombra di un'antica magnolia strillante della sua essenza immortale, penetrante come il silenzio di quella piccola bambina solitaria nell'ora tarda del meriggio, dai lunghi capelli rossi ed il viso che risultava ancor più candido di quei solitari petali che morenti si gettavano dalla cima dell'albero, domandai alla piccola che stesse facendo tutta sola, mentre contemplava assente le acque immobili.

venerdì 19 giugno 2015

La camera del tormento

Domenico Beccafumi (1484 c.a. - 1552 c.a.), Supplizio della corda, Museo del Louvre, Parigi.

... prima dell'interrogatorio sotto tortura l'imputato viene spogliato completamente, per evitare che porti nella sala del supplizio qualche strumento stregonesco nascosto tra le vesti, allo stesso scopo viene completamente depilato...

Nel mezzo di una stanza rotonda, celata in un tetro sotterraneo, due uomini mascherati si avvicinano alla ragazza. Conoscono la stanza, si muovono a memoria.

giovedì 18 giugno 2015

L'Ottomana. [quarta ed ultima parte]

I BOTTONI DEL CAPITANO
Dopo meno di mezz'ora la compagnia dei quattro entrò nell'osteria. Si sedette al tavolo e ordinò molti tai (bicchieri di vino) e l'accompagnò con pan di segale e Montasio.
“Buono oste - disse Sacco, alzando il bicchiere smerigliato -. Come si chiama?”

martedì 16 giugno 2015

Un eretico a Pallanza

Ciò che si rimproverava maggiormente ai Turchi era che non avessero né stregoni né indemoniati.
Si guardava a tale carenza di indemoniati come a una prova infallibile della falsità di una religione.

François-Marie Arouet 
(Voltaire)
All'inizio del seicento le truppe inquisitorie in quel di Milano lavoravano a pieno regime.
Eresia e devianza dalla religione cattolica difficilmente sfuggivano agli occhi degli inquisitori. Il “male” andava debellato e la coscienza ripulita.

venerdì 12 giugno 2015

Quella complessa paura della morte

Verbania, Museo del Paesaggio, collezione Cefis ex-voto. Tavoletta riguardante un miracolo del ritorno alla vita avvenuto in località Ornavasso (VB).
La morte di un neonato è un fenomeno biologico che comporta forti implicazioni sociali e culturali per tutte le popolazioni. La diffusione del Cristianesimo, in Europa occidentale, ha contribuito a rendere omogenee le pratiche funebri.

lunedì 8 giugno 2015

Nel tempo in cui l'uomo disegnava preghiere

Masso coppellato all'Alpe Prà, Val Grande.
Terra sacra.
Sacra da sempre.
Sacra anche per l’uomo che cacciava per vivere.
Diecimila anni di storia si aprono al nostro sguardo, al nostro camminare ai piedi delle sacre montagne.

venerdì 5 giugno 2015

Non sono ossolana, ma mi sento a casa.

Il sottotitolo ideale sarebbe: storia d'amore per un brano semisconosciuto di paesaggio italiano.
Io non sono ossolana, questo è certo, e probabilmente non possiedo neppure l'attitudine per la montagna. E' evidente dal mio passo di pianura (tutt'al più di collina) che si muove lento ed affaticato in salita per farsi pesante ed incerto in discesa.

lunedì 1 giugno 2015

Rama, l'Atlantide torinese

La Caduta di Fetonte - Joseph Heintz il Vecchio (fonte: Wikicommons)
Che cosa c'era qui, esattamente qui dove vi trovate adesso, sul terreno che state calpestando, attorno all'aria che state respirando, cento, mille, diecimila anni fa?