La Sacra di San Michele, la fede nel cuore delle Alpi













Portfolio di Yuri Minghini

Commenti

  1. Poetando ... Si arriva al cuore .... Bravo Francesco e Yuri per le foto !

    RispondiElimina
  2. Bella poetica Francesco, che ben si coniuga con le bellissime foto della straordinaria e mysteryosa Sacra (o chiusa) di San Michele. Avendo visitato l'abbazia in due occasioni, permettimi alcuni "apporti"... Già all'interno, ci si arrampica per una incredibile- immensa scalinata, fino a giungere ad una bellissima porta romanica.

    Questa porta è detta dello "Zodiaco". E' così chiamata perchè vi sono raffigurati segni astrologici e costellazioni della volta celeste. Da uno stipite laterale si diparte una lunghissima lingua di un demone che si intruffola tra le composizioni. Completa il tutto le parole che nel XII sec. incise lo scultore Nicolau: "Voi che andate in su, o forse scendete, leggete i versi che scrisse Nicolau. Questo lavoro lo interpreta chi ne è capace. Si vedono fiori mescolati a belve".
    Su alcuni capitelli della chiesa e pure su di un masso all'esterno vi sono anche alcune croci templari.
    Un saluto
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salendo la scala sulla quale sostano i morti, se si è degni di sopravvivere alla dissoluzione e si è quindi meritevoli della vita eterna, si ha finalmente la visione del Cielo...

      Elimina
  3. meraviglioso connubio tra immagini e parole...Livi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yuri ed io stiamo scoprendo che "artisticamente" parlando ce la intendiamo... ;)

      Elimina
  4. "...il passo veloce e l'incedere lieve
    dello Spirito antico che cammina nel vento,
    finché nella notte si perde ogni cosa
    e la luna cancella, confonde le ombre,
    svelando passaggi e angusti cammini..."
    Un commento poetico che degnamente accompagna le fotografie splendide
    Davvero un regalo natalizio. Grazie

    RispondiElimina

Posta un commento