Nelle pietre ho trovato me stesso

Due uomini.
Il nuovo santuario alle spalle.
Il bosco attende il loro lento camminare. 
Le foglie, abbandonate dai rami, coprono il sentiero.
Un profumo pervade lo spazio.
Giunge da lontano, molto lontano.
Un alito di vento indica la strada.
Natura, selvaggia natura.
La nostra casa attende i due uomini.
Mura basse di pietre antiche.
La natura riprende il dono ancestrale.
Immaginari cerchi di sacre rocce levigate dal tempo.
Lavorate dall'uomo che pregava senza giungere le mani.
Ispidi capelli corvini ci attendono oltre la soglia.
Occhi colore dell'autunno.
Accarezza le pietre con mani senza tempo.
Guarda il cielo calpestando la terra.
Indica il vuoto che tutto ricopre.
Parla alle pietre ricordando il passato.
Grazie alla roccia sarà richiamato.
Memoria perenne di un tempo finito.
Gli antenati in quel luogo parlano, vivono nel nostro presente.
L'autunno negli occhi ci invita all'azione.
Percorre con noi gli ultimi metri.
Due uomini, ora soli, nel tutto illuminato dal Sole.
Veniamo da qui.
Ora lo sappiamo.
Nulla è casuale.
Tutto ha un senso, preciso e chiaro.
Dobbiamo leggere i segni lasciati da chi, prima di noi, ha percorso questi sentieri.

Fabio Casalini

Tutte le fotografie si riferiscono al complesso di megaliti di Montecrestese, frazione Croppole.
Provincia di Verbania, Piemonte.

Commenti

  1. Riesci sempre ad emozionare....... non servono parole a volte....Sai.

    RispondiElimina
  2. Un posto solo nostro in un giorno senza tempo. A due passi da casa. Sempre la su quella cima, gli occhi colore dell'autunno incontrano gli occhi colore della primavera e nasce l'infinito.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come fare a non prendere spunto da voi, dai vostri commenti e dal vostro amore verso questo progetto.
      Le tue parole sono magnifiche, riempiono il cuore.
      Negli occhi si possono vedere tante cose.
      Bisogna saper cercare, sempre.
      Fabio

      Elimina
  3. ...dopo ogni viaggio, mi sento sempre
    meno ignorante e più curioso! Bravissimi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!!
      Ho sempre detto che siamo portatori sani di domande... forse siamo generatori buoni di curiosità!
      Fabio

      Elimina
  4. Non sapevo che a Montecrestese ci fosse questo percorso.Quando tornerò nella mia casetta in Vigezzo, farò tappa a Montecrestese. Buona domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mirtillo.
      Grazie per seguirci assiduamente!!
      Il percorso "visionario" parte dal Santuario del Viganale (il nuovo santuario) e scende per una decina di minuti nel bosco.
      Le pietre, orizzontali e verticali, ti attendono.
      Fabio

      Elimina
  5. Leggo e rileggo, le righe, tra le righe, per tornare a quel tempo eterno, per vedere e non dimenticare ciò che siamo ... Rosella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosella noi arriviamo da qui, da queste persone che raddrizzavano le pietre per pregare senza giungere le mani.
      Da queste persone che scivolano lungo le rocce per chiedere la fertilità.
      Da queste persone che affrescavano con le mani pareti che miracolosamente sono giunte sino a noi.
      Non dimentichiamole.
      Fabio

      Elimina

Posta un commento