Le Pasque Piemontesi, il massacro dimenticato

Il 25 gennaio del 1655, Andrea Gastaldo, dottore in giurisprudenza, con la piena approvazione del duca di Savoia, emana il seguente ordine: "Che ogni capofamiglia, insieme ai membri di quella famiglia, appartenente alla religione riformata, di qualsiasi rango, grado o condizione, nessuno escluso, abitante e con proprietà a Lucerna, San Giovanni, Bibiana, Campiglione, San Secondo, Lucernetta, La Torre, Fenile e Bricherassio, abbandoni nel giro di tre giorni dalla data della pubblicazione, suddetti posti… ciò deve essere fatto pena la morte e la confisca di case e di beni, a meno che entro il limite di tempo prescritto si converta alla religione cattolica romana".  
Siamo nelle valli Valdesi del Piemonte. 

Valdesi?
Il fondatore del movimento valdese fu un mercante di Lione, Pietro Valdo, che tra il 1173 ed il 1175, dopo aver concesso tutti i beni di sua proprietà ai poveri, si dedicò ad una vita votata alla povertà ed alla predicazione itinerante.
Pochi anni dopo Pietro Valdo fu accusato d’eresia e dovette vivere, con il seguito, in clandestinità. I pochi che rimasero sul suolo italiano si ritirarono nelle valli alpine.
L’accusa?
I Valdesi volevano sovvertire la tradizione cristiana, secondo l’idea di santa romana chiesa, poiché rinnegavano la fede per abbracciarne un’altra alle cui fondamenta vi era un patto con il diavolo.
In Italia i Valdesi si riparano nelle valli alpine del Piemonte, ed in questi luoghi avviene la tragedia del 1655.
L’editto del gennaio 1655 prevedeva che i Valdesi abbandonassero i luoghi citati per ritirarsi nei territori a monte, nei borghi di Angrogna, Bobbio Pellice, Villar Pellice e Rorà.
Nei giorni seguenti furono intavolate delle trattative, che portarono all’esilio dei soli capifamiglia, che si radunarono nella località di Angrogna. Le trattative continuarono sino ad aprile, quando il marchese di Pianezza, incaricato di affrontare i Valdesi, non si fece trovare nel luogo stabilito.
Il 16 aprile del 1655 il marchese lasciò la valle per ricongiungersi con il suo esercito, che marciava verso le valli Valdesi.
Inizia la persecuzione sistematica condotta da cattolici e soldati.
Un testimone afferma: "la moltitudine armata si gettò sui valdesi nella maniera più furiosa. Non si vedeva altro che il volto dell’orrore e della disperazione. I pavimenti delle case erano macchiati di sangue, le strade erano disseminate di cadaveri, si udivano gemiti e grida da ogni parte…. In un villaggio torturano crudelmente 150 donne e bambini, dopo che gli uomini erano fuggiti. Decapitarono le donne e fecero schizzar fuori i cervelli ai bambini. Nelle città di Villaro e Bobio, la maggior parte di quelli che si rifiutarono di andare a messa e che avevano più di 15 anni, fu crocifissa a capo all’ingiù, e quasi tutti quelli che erano di età inferiore furono strangolati. "
All'orrore non vi è mai fine.
"Uomini scannati posti al ludibrio dei viandanti, pargoli strappati al seno materno e sfracellati contro le rocce. Fanciulle e donne vituperate, impalate lungo le vie."
Una nuova strage degli innocenti!
Bimbi di pochi mesi strappati alle madri e lanciati, con forza, contro le rocce affinché morissero nel momento in cui le madri subivano violenza barbarica.
Tutto questo in nome della Religione.
Avete letto bene, in nome della Religione!
Il triste resoconto del comportamento dei controriformati non si conclude nelle righe precedenti.
I miliziani, al soldo dei Savoia, provocarono mutilazioni di ogni genere prima di procedere con il colpo di grazia, anche se, molto spesso, non era necessario secondo il loro modo di agire.
Preferivano lasciare che la vittima morisse, lentamente, di fame o dissanguata.
Una delle torture preferite consisteva nel mettere dei sacchetti di polvere da sparo in bocca alle vittime e, poi, dar loro fuoco.
Tra le più atroci torture perpetrate, in quest’angolo di Piemonte, vi era quella di traforare i calcagni dei malcapitati ed, attraverso le ferite, far passare delle corde che servivano al trascinamento della vittima per le vie del paese.
Ho parlato del comportamento dei soldati, ma i preti cattolici?
Parteciparono attivamente oppure cercarono di fermare il massacro?
Utilizzo il caso di Cipriano Bastia per spiegare il comportamento ecclesiastico.
Cipriano Bastia, a cui era stato ordinato di rinnegare la religione valdese e di accettare quella papale, rispose:
"Piuttosto rinuncerei alla mia stessa vita o vorrei essere trasformato in cane!"
Un prete che assisteva la scena aggiunse:
"Per ciò che hai detto rinuncerai proprio alla vita e sarai dato in pasto ai cani!"
Bastia fu gettato in prigione per alcuni giorni sino a quando, ormai sfinito dal digiuno, venne trasportato in strada e dato in pasto ai cani randagi.
Le atrocità maggiori furono perpetrate ai danni dei piccoli.
I bambini erano fatti a pezzi, decapitati o uccisi, in vari modi, davanti agli occhi dei genitori.
Una di queste madri, Maria Pelanchion, fu denudata ed appesa, a testa in giù, ad un ponte per essere bersaglio degli spari dei soldati.
I Valdesi si armarono ed iniziarono a contrattaccare le forze cattoliche. A San Secondo di Pinerolo toccò ai piemontesi subire una disfatta. Le relazioni parlano di oltre 1000 morti tra i soldati al comando del marchese di Pianezza.
Nel frattempo alcuni Valdesi, fuggitivi, si erano recati a Parigi per far conoscere al mondo la disgrazia in corso nelle valli piemontesi. Successivamente cercarono di scuotere gli animi dei Paesi Bassi e dell’Inghilterra. La reazione della duchessa di Savoia non si fece attendere. Chiese al cardinal Mazarino di impedire l’accesso, dei profughi valdesi, in Francia. Il cardinale oppose un secco rifiuto, garantendo alla duchessa che i sudditi francesi non lasceranno la nazione per aiutare i “ribelli”.
Le notizie circolarono velocemente sul suolo europeo. I Re di Svezia e Danimarca e le città di Berna e Ginevra manifestarono appoggio al popolo valdese.
Viste le richieste degli ambasciatori, di molti paesi europei, la duchessa di Savoia si dichiarò stupita che le corti dei principali paesi potessero ascoltare tali smoderate dichiarazioni circa le stragi e le torture subite dai ribelli.
Dichiarò che non si erano consumate atrocità, ma solo punizioni moderate verso i sudditi ribelli.
Tra una trattativa ed una strage si giunge al 18 agosto del 1655.
A Pinerolo furono firmate le Patenti di Grazie che garantivano il perdono, da parte dei Savoia, ai Valdesi per la ribellione e ripristinavano le libertà civili e religiose.
Le patenti di grazia non risolsero integralmente la questione valdese.
I ribelli cercarono vendetta per le torture e le stragi degli innocenti, ma i risultati furono scarsi.
Nel 1664 il duca di Savoia firmò le nuove patenti che sarebbero rimaste in vigore sino al 1685, anno delle nuove persecuzioni.
Questa è un’altra storia….

Fabio Casalini

Bibliografia
Storia della tortura. George Riley Scott. Mondadori 1999

Il libro nero dell’inquisizione. Natale Benazzi e Matteo D’Amico. Piemme 1998

The history of the evangelical churches of the valleys of Piedmont. Samuel Morland. 1658

Antistoria degli italiani. Giordano Bruno Guerri. Mondadori 1997

The Israel of the Alps. Alexis Muston. 1866

Annotazioni
Il termine Pasque piemontesi è riferibile al fatto che i massacri avvennero a partire dal 25 aprile 1655. La Pasqua quell'anno cadeva il 14 aprile. I primi resoconti furono redatti da Samuel Morland, in bibliografia, che utilizzò la datazione del calendario giuliano, ancora in vigore, all'epoca dei fatti, presso i paesi protestanti. Nel XIX secolo, per mano di Alexis Muston, in bibliografia, si iniziò a parlare di Pasque Piemontesi in riferimento al periodo nel quale avvennero le torture e le stragi degli innocenti.


FABIO CASALINI – fondatore del Blog I Viaggiatori Ignoranti
Nato nel 1971 a Verbania, dove l’aria del Lago Maggiore si mescola con l’impetuoso vento che, rapido, scende dalle Alpi Lepontine. Ha trascorso gli ultimi venti anni con una sola domanda nella mente: da dove veniamo? Spenderà i prossimi a cercare una risposta che sa di non trovare, ma che, n’è certo, lo porterà un po’ più vicino alla verità... sempre che n’esista una. Scava, indaga e scrive per avvicinare quante più persone possibili a quel lembo di terra compreso tra il Passo del Sempione e la vetta del Limidario. È il fondatore del seguitissimo blog I Viaggiatori Ignoranti, innovativo progetto di conoscenza di ritorno della cultura locale. A Novembre del 2015 ha pubblicato il suo primo libro, in collaborazione con Francesco Teruggi, dal titolo Mai Vivi, Mai Morti, per la casa editrice Giuliano Ladolfi. Da marzo del 2015 collabora con il settimanale Eco Risveglio, per il quale propone storie, racconti e resoconti della sua terra d’origine. Ha pubblicato, nel febbraio del 2015, un articolo per la rivista Italia Misteriosa che riguardava le pitture rupestri della Balma dei Cervi in Valle Antigorio.


Commenti

  1. Non ci sono parole....solo innumerevoli riflessioni, oggi come allora in nome di una qualsiasi religione si puo' concepire la perdita di tante vite? Ed in che modo? la dignità e il rispetto della vita come dono dovrebbe essere alla base d ogni credo.... Grazie Fabio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono 20 anni che rifletto su questi, ed altri, eventi.
      Ho smesso di farmi domande, in questo caso.
      La vita umana valeva poco?
      No. Nelle stesse valli di questi accadimenti si svolgeva il rito "del ritorno alla vita dei bimbi nati morti".
      Non è il valore che assegniamo alla vita umana il contendere, è la violenza che scaturisce dal credo religioso.
      Grazie amica mia.
      Fabio.

      Elimina
    2. La mia famiglia era di origini valdese ,i miei avi si stabilirono a Ferara dove nel 1799 comprarono una casa ,di cui ho ancora la stipula notarile.Noi ci siamo dimenticati della ferocia dei cristiani contro i Valdesi

      Elimina
    3. Giovanni mai dobbiamo dimenticare.
      Non possiamo dimenticare nulla.
      Fabio

      Elimina
    4. Be, la chiesa sono secoli che stermina esseri umani in nome del suo dio, che benedice ogni tipo di arma che uccide esseri umani,e solo ultimamente che predica "amore e rispetto" verso gli altri, ma i suoi membri si macchiano ancora di delitti NAUSEABONDI, PEDOFILIA, ARRICCHIMENTO, ARROGANZA,E INFINE INFINOCCHIANO I POVERI VECCHIETTI CON LA SCUSA DELLA "BEATA" VITA ETERNA, QUALSIASI DELITTO ABBIANO COMMESSO NELLA VITA. SONO PEGGIO DEI MASSONI, ANZI FORSE SONO UNITI A LORO.

      Elimina
    5. Un bel pezzo di storia da raccontare sarebbe quello della vendita delle indulgenze..
      grazie dello spunto
      Fabio

      Elimina
    6. le vie del paradiso sono infinite....sfido gli attuali lettori indignati dal non aver voluto partecipare loro stessi a questa festa purificatrice dettata dalla chiesa e dal Papa pur di salvare le loro anime e i loro averi.....Il nazismo verrà qualche secolo dopo e gli italiani prima di ribellaesi aspettarono il silenzio della chiesa ...complice fino alla vigilia del nazifascismo....anche il fatto narrato dei Valdesi è bene mettere in chiaro che la religione fu solo un pretesto...ciò che faceva gola erano la proprietà dei valdesi...che sarebbe passata di mano semplicemente strerminandoli....meditate mangia ostie ..meditate

      Elimina
    7. Mario, ed io che pensavo d'essere un mangiapreti d'alto livello, avendo scritto oltre 100 articoli sui misfatti della cristianità, mi rendo conto che il "mangia-ostie" mi retrocede a semplice anticlericale...
      Fabio

      Elimina
  2. Quante crudeltà in nome della religione. Hanno usato Il credo come pretesto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la religione è stata la molla che ha permesso agi uomini di sfogare i più bassi istinti.

      Elimina
  3. È solo l ignoranza degli uomini che genera tanta violenza .il resto è solo un pretesto !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso vi erano persone colte ed istruite a capo dell'esercito oppressore, e come sempre, erano ignoranti a capo di bestie selvagge. La religione, come detto, fu la molla che serviva alla causa. Come sempre sono pareri personali. Fabio.

      Elimina
    2. Ottime risposte Fabio! Ti ringrazio vivamente per queste tue divulgazioni. Non si tocca mai il fondo.

      Elimina
    3. Grazie. Purtroppo cercando nella storia si rischia di "raschiare il fondo del barile".
      E pensare che molti ritengono di vivere nel peggior momento della storia...
      Fabio

      Elimina
  4. che atrocità! le religione, in senso largo, è la rovina dell'uomo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando la religione viene "usata" come base, come fondamento, per distruggere la fede altrui, significa che l'uomo ha raggiunto il suo punto più basso. Le religioni non nascono distruttrici e violente, e' l'uomo che le usa come pretesto. Le donne che scivolavano sulle pietre non penso uccidessero i figli di chi non eseguiva tale pratica.... E li chiamiamo raccoglitori? Cacciatori?

      Elimina
  5. la religione cerca di difendere il più debole attraverso una morale Il credere che esista una religione migliore di un'altra ,è la causa principale di ogni forma di abuso La tolleranza non è cosa né semplice né da poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso la religione "del più forte" ha distrutto la vita dei deboli.
      Mi limito all'analisi dei fatti storici piemontesi: La vicenda narrata ha dimostrato la volontà della Controriforma di assoggettare a se tutti coloro avevano idea religiosa diversa. Prima vi erano gli eretici (Dolcino per fare un esempio), poi le streghe ( Ossola e valli del torinese) ed infine i Valdesi.
      Non erano accettate idee diverse dal credo cattolico.
      Questa è la mia personale, quindi soggettiva, analisi, supportata però da molti articoli scritti in questi 18 mesi a testimonianza di una oggettività che non può essere dimenticata.
      Fabio

      Elimina
    2. Sto leggendo un libro di Ildefonso Falcones, storico spagnolo sugli eventi della distruzione del ghetto di Barcellona e la conversione, forzata pena uccisione,degli ebrei spagnoli tra il 1385 e 1400...la storia europea è disseminata di una violenza inaudita! Ora l'impeto e il picco si è spostato verso medioriente ed estremo oriente e Africa ma gli eventi mi fanno pensare che la civiltà umana cresce su macerie prodotte dai più bassi istinti!

      Elimina
    3. Ciao, il libro cui ti riferisci, La cattedrale del mare, l'ho trovai interessante ed appassionante.
      Peccato che i libri seguenti abbiano un poco fatto spegnere le gioie di questo.
      Fabio

      Elimina
  6. Quando si dice fondamentalismo religioso. Non da Dio, ma dall'uomo, come sempre.
    Malles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre.
      Non siamo, mai, stati capaci di comprendere la diversità.
      Fabio,

      Elimina
  7. Racconto terribilmente attuale.
    Molto ben narrato. Bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti.
      All'orrore non vi è mai fine.
      (Fabio).

      Elimina
    2. Solo c'è un errore il fondatore era Pedro Valdes/z e era spagnolo dei Pirenei. ..così ho letto io un altro posto..

      Elimina
    3. Valdo di Lione, noto anche come Pietro Valdo o Valdesio, conosciuto all'epoca in latino come Valdesius o Valdes, in volgare francese Valdès e in occitano Vaudès (Lione, 1140 – 1206 circa), fu un mercante francese che ispirò lo sviluppo della Chiesa evangelica valdese.
      Non posso sapere dove tu abbia letto che fosse originario dei Pirenei, ma è un errore grossolano.
      Fabio

      Elimina
  8. La narrazione limpida rivela tutto l'orrore di quei fatti crudli.I secoli sono passati ma oggi come allora la religione viene usata come atgonento politico per controllare poppli e terre ...Quello che fa specie e'il silenzio della cosidetta "comunita' internaxionale oggi come allora.Chissa'in che occasione quella gente avra ' ricevuto il benestare del suo Dio per commettere tali crimini ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la "narrazione limpida".
      Sono fatti di una crudeltà pazzesca, passati sotto il silenzio della comunità internazionale.
      Oggi come ieri, la storia si ripete.
      Fabio.

      Elimina
  9. Che angoscia... è triste vedere ogni giorno di quali atrocità è capace l'uomo, in nome di qualsivoglia dio...
    complimenti per il blog.
    Luca, Felicemente Ateo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti Luca. Più scavi più trovi comportamenti umani inaccettabili. Più difficili ancora da comprendere in quanto eseguiti in nome di una religione.
      Fabio.

      Elimina
    2. Tutti questi orribili fatti, ieri come oggi, rimarcano l'abisso tra la religione e la spiritualità. E quando gli uomini invocano con forza il ritorno alla spiritualità, storicamente accade che la religione intervenga con violenza per stroncarla. Troppo pericoloso lo spirito per alcuni umani appetiti di potere e dominio. Chissà se usciremo mai definitivamente da questa spirale della religione come delirio di onnipotenza. Sembriamo ancora molto lontani...

      Elimina
    3. Ciao Laura. Il ritorno alla spiritualità può essere solo un accadimento personale, ma, se tante persone comprendono la differenza tra spiritualità e religione, può accadere qualcosa di bello e coinvolgente!
      La spiritualità, per come posso intenderla io, null'altro è che il ritorno ad apprezzare quel dono che ci è stato dato, chiamato Vita.
      Fabio.

      Elimina
  10. Complimenti per l'esposizione, chiara e lineare.
    Purtroppo pochi raccontano tali eventi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      Il mio compito, nelle pagine di questo blog, è proprio quello da te sottolineato.
      Ridare voce alle vittime.
      Fabio

      Elimina
  11. È nostro dovere conoscere il bene ma anche e soprattutto il male di chi ogni giorno ci parla di perdono misericordia e tolleranza. Grazie Fabio, ci apri gli occhi con dolce brutalità. ...R

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho smarrito il ricordo della misericordia e della tolleranza.
      La storia la scrivono i vincitori?
      Vincitori di cosa?
      Di bimbi gettati sulle pietre per far fuoriuscire il cervello?
      Di donne impalate perché la loro confessione era diversa?
      Una vergogna che merita le prime pagine dei libri di storia... ed invece... ecco che esce il vincitore...
      Fabio, colui che sta sempre con i perdenti.

      Elimina
  12. Non mi stupisco che nel nome di qualsiasi religione si arrivi a tanto ,sono le religioni stesse il male .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizio, purtroppo la storia delle religioni è contrassegnata da una moltitudine di eventi negativi e terribili, come quello analizzato nell'articolo delle Valli Valdesi.
      Mi ero ripromesso di continuare ma purtroppo l'attualità supera la storia...
      Fabio

      Elimina
  13. Simonetta borgiani23 maggio 2016 14:03

    Quindi successivamente, la chiesa con l'inquisizione e i Savoia con la depredazione del sud, non fecero altro che continuare l'operato più in grande...demoni incarnati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simonetta.
      Nei prossimi giorni uscirà intervista con una persona che ha scritto libro sul brigantaggio. Materiali inediti. Ne sentiremo di cose che ci faranno ribollire il sangue.....
      Fabio

      Elimina
  14. Il seguito della vicenda fu chiamata dai Valdesi "Il glorioso Rimpatrio". Ne parlo sul mio sito: http://www.eresie.it/it/Arnaud.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Douglas, mi chiedono in continuazione di scrivere maggiormente di questi accadimenti, ma come ben sai la nostra storia è capiente in materia d'eresia e di stragi...
      Consiglio ai lettori che passeranno in questa pagina il sito di Douglas: www.eresie.it
      Grazie!!!
      Fabio

      Elimina
  15. savoia ....no comment
    cio che hanno fatto al sud italia e analogo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci arriveremo...
      Nulla sarà dimenticato!
      Fabio

      Elimina
    2. Il glorioso rimpatrio, il sacro macello di Valtellina, la strage valdese in Francia, Caterina de Medici, sempre sopra fazione, non centra nulla il nome del carnefice, Savoia, Filippo il Bello, ecc. ecc. fino arrivare ai nostri giorni. Fino a quando avremo bisogno di una entità superiore ci scanneremo come bestie, leviamoci dai piedi preti, iman, cartomanti, fattucchiere, oroscopi, e crediamo in noi rispettandoci, senza cercare protezione in qualche d'uno che non si vede.

      Elimina
    3. Guido sono pienamente d'accordo, ma essendo colpevoli degli uomini è giusto assegnare le colpe.
      Il Sacro Macello ancora manca nelle pagine di questo blog.
      Fabio

      Elimina
    4. Guido, non sono d'accordo... le "guerre di religione" sono iniziate quando una religione, o meglio, un dio, ha preteso di imporsi sulle altre come unico e vero dio.
      Questo è accaduto prima con gli ebrei, che però rappresentava solo una religione etnica. Poi in maniera diffusa con il cristianesimo "paolino" rimaneggiato per poterlo diffondere tra i gentili.
      Per Greci e Romani aggiungere dei al loro pantheon non è mai stato un problema.
      Il problema sono i monoteismi che generano pazzi fanatici.

      Elimina
    5. Il problema è analizzare gli eventi accaduti negli ultimi 12 o 13 secoli. Il monoteismo imperava e non esiste la controprova di quello che saremmo divenuti o di quello che saremo oggi, purtroppo.
      Fabio

      Elimina
    6. Guido non sempre l'ateismo é l'unica risposta valida. Il problema non è il credo,ma l'uso che ne fanno i poteri per assoggettare le menti e creando conflitti.
      In quel caso la controriforma servì per creare grandi proprietà agricole con abbondante forza lavoro impaurita ed ignorante. Come al solito la religione fu una scusa

      Elimina
    7. keki sono in sintonia sulla terminologia utilizzata: scusa.
      Ma se dovessimo cercare nella storia delle religioni, quale altra ha potuto godere di così ampio potere sulle menti delle persone?
      Fabio

      Elimina
  16. Quanto sangue innocente ... Grazie per aver riproposto l'articolo Fabio, conosco molto bene quelle magnifiche vallate tra Pinerolo e Saluzzo, ancora oggi abitate da amici Valdesi. La Storia dell'uomo ha dell'incredibile. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Sergio.
      Sono vallate magnifiche e trasudano storia ad ogni angolo.
      Purtroppo parte di quella storia fu macchiata dal sangue innocente.
      Fabio

      Elimina
  17. Come al solito!

    Atei contro la Religione, come se l'Ateismo non avesse anch'esso le mani insanguinate!

    Praticanti di altre Religioni contro la Religione Cattolica, come se le loro Religioni non avessero anch'esse le mani insanguinate!

    Ignoranza, Idiozia ed Ipocrita Mala Fede all'arrembaggio!

    Ma le colpe sono tutte di un'unico Credo: Il Credo nel Male!

    Quando la Fede bel Male si impossessa della mente di qualcuno, allora lo fa diventrare malvagio! e non imòporta se sia Ateo o Religios, Cattolico o Valdese! e più potere ha e maggiore è il male che può fare. I Male va sempre accuratamente controllato, perché se il Male non è controllato dal Bene, allora è il Male che controlla il Bene, e proprio allora avviene il peggio che può avvenire! lo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abituato a commentare articolo per articolo.
      In questo caso sarebbe che le colpe siano ben precise, non le pare?

      Elimina
    2. Perfettamente d'accordo.

      Elimina
  18. Mi pare che oltre che religiosa la cosa abbia ulteriori risvolti politici propri dei Savoia che in un modo o nell'altro riuscivano a trovare accoliti al fine di poter sopraffare una situazione a loro incisa... Andiamo pure un poco più avanti nel tempo parlando di Genova e dopo anche di Napoli...!!!

    RispondiElimina
  19. Gesù Cristo pur di non praticare violenza ha subito torture e Crocifissione. Gesù Cristo nel suo significato più profondo ha donato il suo sangue e la sua carne per noi. Il sto comandamento più importante e' il comandamento dell'amore. Se in tutta la storia dell'umanità qualcuno si sveglia la mattina e dice: ti uccido in nome di Gesù Cristo o è pazzo, o completamente ignorante o segue bene altro Dio: Satana. Quindi: più che fare colpa alle "religioni" parlerei di "seria compromissione mentale". Saluti a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nicola, quindi convieni con me che oggi si uccide per follia e non in nome di una religione?
      Che la razza e l'appartenenza religiosa dei terroristi quotidiani non rispecchia la realtà dei fatti?
      La religione non ha colpa, sono le persone che la utilizzano per i propri scopi.
      In questo, come in molti altri casi, fu la religione cattolica ad essere utilizzata per i propri fini.
      Se non ci fossero le religioni come vivremmo?
      Fabio

      Elimina
    2. Troveremmo altre scuse per fare altrettanto

      Elimina
    3. Esattamente.
      La religione, qualunque essa sia, risponde ad un'esigenza dell'essere umano (100,000 anni fa scolpivamo le veneri preistoriche per ringraziare la grande Terra) che di per se non può essere incolpata degli atti umani.
      Fabio

      Elimina
  20. Homo homini lupus...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Traduco per chi dovesse leggere i commenti e non fosse avvezzo al latino: l'uomo è lupo per l'altro uomo.
      Fabio

      Elimina
  21. Anche se sono crimini commessi lontano nel tempo in nome del Dio della vita, sento nell' anima soltanto sofferenza e vergogna.
    Da parte mia, domani mattina nella chiesa di S. Lucia, celebro in suffragio la Santa Messa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un gesto che denota grande intelligenza.
      Per chi non dovesse conoscere il significato di celebrare una messa in suffragio: Messa in suffragio, nella teologia cattolica, è una Celebrazione Eucaristica in cui vi è l'applicazione di preghiere, indulgenze, opere buone alle anime del Purgatorio, per ottenere da Dio la remissione della pena temporale loro inflitta in sconto dei peccati commessi durante la vita terrena.
      Grazie.
      Fabio

      Elimina
  22. Conoscevo già questa storia e ne conosco altre: mi fanno schifo tutti quegli individui che in nome del loro dio si sostituiscono al vero Dio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao.
      Se hai voglia di cercare sotto i tag "eresia" o "santa inquisizione" troverai almeno altri 70 articoli di processi ad eretici e streghe.
      Utilizzo quei termini per identificare le persone come facevano gli inquisitori.
      Fabio

      Elimina
  23. Ci sono spunti negli insegnamenti cristiani che giustificano il comportamento dei Savoia? e quei religiosi che hanno partecipato sono stati fedeli al loro mandato? o meglio alla loro vocazione? E infine da quanti anni non si uccide più il nome di Cristo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No.
      No.
      No.
      Non molti.
      Il problema non è la religione in se, ma le persone che la utilizzano per manipolare il comportamento delle masse.
      E' sempre accaduto, dall'antico egitto a oggi.
      Fabio

      Elimina
  24. Ricordare oppure venire a conoscenza dei fatti cosi tremendi adducendo sempre d scuse religiose o altro facendo soffrire in modo atroce per impossessarsi dei beni, La chiesa non basteranno migliaia di anni per chiedere perdono ora ci sono i pedofili non è cambiato molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo convinti che si siano scusati?
      Parlando dell'inquisizione, siamo certi che abbiano chiesto perdono per gli oltre 100,000 processi intentati?
      Fabio

      Elimina
  25. Mi sembra che le colpe siano unicamente da addossarsi alla ricerca del potere e a qualche bega, sempre in nome del potere, tra re reggenti e parenti intenzionati a togliere questo privilegio, per cui ci si ingegnava ad avere l'appoggio di altri governanti, in questo caso il papa e il Vaticano, a qualunque costo. Gli dei o il dio poco centrano, ma sicuramente facevano molta presa sull'ignoranza del tempo, ci avevano fatto pure delle crociate,sterminando tutto ciò che gli si parava dinnanzi.Però ci sono stati tanti massacri che con il motivo religioso nulla avevano a che fare, come successe più volte in America con i Pellerossa. Nell'articolo sopra scritto si propone l'idea di una guerra santa perpetrata contro una minoranza, ma si tralascia il vero motivo storico, cosa che fa pensare che per un dio si sia ucciso, cosa che comunque anche oggi capita sovente. Si uccide solo per gli uomini, si massacrano innocenti solo per il potere o per i favori del potere. Le crudeltà generate poi da quelle azioni sono purtroppo un effetto del gruppo,la follia che assale le persone impegnate in un azione di gruppo è, per me, inspiegabile, il branco è crudele. la follia impera.Non so se sono riuscito ad esprimere il mio pensiero senza far pensare che sia schierato da una parte, cosa che assolutamente non volevo fare, ma so che quel "male" di cui si è scritto gode quando ancora si mettono in contrapposizione i vari pensieri religiosi e gongola sull'odio creatosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Santo. Ho perfettamente compreso il tuo pensiero.
      Spero di essere riuscito a non far emergere la mia rabbia nella narrazione dei fatti.
      Sono ateo e contro ogni tipo di violenza.
      Purtroppo hai posto l'accento sulla manipolazione delle masse, da sempre preda di questo o quel culto religioso. Pensiamo solo al faraone ribelle che abbandonò il culto antico per dedicarsi a quello di Aton. I sacerdoti degli altri dei riuscirono, alla sua morte e manipolando il pensiero degli antichi egizi, a restaurare gli antichi culti.
      Tutti finiti e scomparsi.
      Come accade a tutte le religioni.
      E' un processo storico.
      Fabio

      Elimina
  26. Le Religioni di allora, erano tale e quale, come il Potere Politico di oggi; non è cambiato assolutamente nulla, prima si identificavano in fazioni Religiose, adesso in fazioni Politiche; l'obiettivo è sempre lo stesso quello di Comandare sempre più su di una moltitudine di gente e di territorio, USURPANDO RICCHEZZE..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vedo solo una differenza: all'epoca il popolo era per la maggior parte analfabeta, oggi quasi tutti sanno leggere e scrivere ma non comprendono quello che leggono. Il potere religioso, politico e sociale, continua a manipolare il pensiero delle masse.
      Fabio

      Elimina
  27. Ci sarebbero stati meno guerre e morti se tutti fossimo stati atei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'essere umano avrebbe trovato altre strade ed altri modi per annientare l'altro.... La religione è solo la scusa, il pretesto, per prevaricare su chi la pensa in modo diverso da noi.
      Fabio

      Elimina
  28. 2017 ancora il sesso e la religione sono strumenti abilmente sfruttati per convalidare il POTERE ..!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ingerenza del Vaticano nella politica è, da sempre, efficace.
      Fabio

      Elimina
  29. Concordo solo in quest'ultima, l'ignoranza e l'analfabetismo. Si stanno facendo analogie con fatti accaduti ben 400 anni fa dove l'istruzione e la conoscenza era per pochi. Tornando più a ritroso con i tempi, a questo punto, si posso portare ad esempio i vari sacrifici umani offerti agli Dei per le più disparate motivazioni, dalle ire, alla pioggia. Io lascerei perdere similitudini e paragoni con i giorni nostri dove un popolo è tenuto volutamente nell'ignoranza e nell'assuefazione religiosa, altrimenti verrebbero meno i giochi di potere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami ma non ho compreso a quale commento ti riferisci.
      Spesso chiedo di commentare solo in riferimento al contenuto della'articolo, senza portarci nella quotidianità.
      Fabio

      Elimina
    2. la chiesa cattolica romana in nome di Dio a fatto tante stragi nella storia dell'umanita'......QUESTO E' UN FATTO CONCRETO! Una chiesa che brutalmente ha ucciso e massacrato tanti esseri innoccenti , NON PUO' ESSERE LA CHIESA DEL SIGNORE GESU' CRISTO! Non ci giustifichiamo , se e' accaduto nel 1600 0 2006 o in un altro lasso di tempo. QUESTA BRUTALITA' AVRA' UNA CONSEGUENZA ETERNA!! Ricorda le parole dette dal Signore Gesu' Cristo "Dipartitevi da me voi operatori di iniquita'........IO NON VI HO MAI CONOSCIUTO!! Riflettiamo a quale chiesa apparteniamo, io personalmente non voglio appartenere ad una chiesa CHE HA VERSATO COSI TANTO SANGUE!

      Elimina
    3. Non possiamo giustificare, in nessun tempo siano accaduti fatti di violenza nei confronti di innocenti per mano di una religione.
      Mai potremo giustificare.
      mai.
      Fabio

      Elimina
  30. E' stato opportuno far conoscere questi drammatici episodi poiché crediamo che le barbarie nella lotta fra cattolici e protestanti siano accadute solo in Germania durante la guerra dei 30 anni e non anche in Italia. Il mio 8 per mille prima lo davo allo Stato, ma da quando D'Alema ha trovato il modo per finanziare le scuole private lo do per simpatia (non per credo religioso) ai valdesi, e così anche mia moglie. Ho letto che anche la città di Avignone nel XII secolo fu punita per avere ospitato dei valdesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renzo, se hai voglia, all'interno del blog troverai molti articoli che nutrono la tua curiosità, compreso quello di Avignone.
      Fabio

      Elimina
  31. E' lo stesso identico spirito che alimenta oggi gli animi dei fondamentalisti islamici... il fanatismo religioso è deleterio sempre e dovunque.

    RispondiElimina
  32. La chiesa ha cercato sempre di impedire la diffusione e la lettura della bibbia, aveva ( e ha) paura che la gente si accorga delle contraddizioni di ciò che è scritto e i dogmi, ne sono un'infinità. Potrei fare solo qualche esempio: Pietro era sposato e non vi è alcun divieto; Maria ha partorito Gesù ma poi ha continuato la sua vita matrimoniale con Giuseppe e ha avuto altri figli; il comandamento di non uccidere...anzi dice di amare i propri nemici, non di arruolarsi in qualche esercito; l'adorazione verso Dio era ed è esclusiva...non verso il Figlio (Gesù) o verso Maria (marianesimo) o i verso altri déi come i patroni di ogni città italiana, effettivamente il cattolicesimo è una religione politeistica !!! Mi permetto di incollare un articolo sulla diffusione della bibbia il Italia, con il link relativo: Una storia contrastata: la Bibbia in italiano

    “LA BIBBIA è tra i libri più diffusi nel nostro paese [l’Italia], ma è anche forse tra i meno letti. I fedeli sono ancora poco stimolati a incontrare la Bibbia e poco aiutati a leggerla come parola di Dio. Ci sono persone che vogliono conoscere la Bibbia, ma spesso non c’è chi spezza loro il pane della Parola”.

    Questa dichiarazione, tratta da un documento del 1995 di un organismo della Conferenza Episcopale Italiana, solleva alcune domande. Nei secoli scorsi quanto era diffusa la Bibbia in Italia? Perché la sua divulgazione è un fenomeno tardivo rispetto a quanto accaduto in altri paesi? Per quali motivi ancor oggi in Italia è tra i libri meno letti? Esaminando la storia delle versioni bibliche in lingua italiana potremo avere qualche risposta....
    (https://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/2005923)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lolita, cosa ti aspetti da un popolo che, se va bene, legge un libro all'anno e spesso trattasi di romanzo o sollevaspirito similare?
      Fabio

      Elimina
  33. Che differenza c'è fra Vanna Marchi e Francesco Bergoglio?
    Nulla di nulla, ambedue vendono fumo, solo che nel caso di Bergoglio si tratta di Sacro Fumo.
    Almeno la Marchi, molto più onestamente di Bergoglio, promette guarigioni in questa vita.
    Il concetto di "sacro" va smontato ed eliminato nelle scuole.
    Punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sarei favorevole allo studio di tutte le religioni, partendo dalle veneri paleolitiche per giungere alle nuove religioni.
      Fabio

      Elimina
  34. Seja lembrado, de passagem, que o falecido Papa, João Paulo II, deixou um documento oficial em que apresenta o perdão de todas atrocidades cometidas pelo Catolicismo. (sic)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sim, lembro-me do documento do papa polonês, mas foi redutivo no número de danos causados.

      Elimina
  35. Io ho sempre sostenuto che i Savoia sono stati guerrafondai, puttanieri, stragisti etc.... eppure una certa pubblicistica postunitaria parla di " il padre sella patria"....."il re buono" ...."il re soldato". Vittorio Emanuele II colpevole delle stragi compiute dal generale Cialdini e del vergognoso trattamento inflitto ai prigionieri di guerra borbonici, e che dire di Umberto I che premiò Bava Beccaris l'ignobile stragista che diede piombo a chi chiedeva pane e da ultimo Vittorio E.III che diede corso alla I guerra mondiale e legittimò il Fascismo e le stragi in Libia ed Etiopia ed alla fine scappò lasciando il Paese nel caos senza ordini per i soldati e le autorità civili con la conseguente invasione tedesca e la guerra civile. INDIETRO SAVOIA!!

    RispondiElimina
  36. la Val Pellice, dove sono nato, è sempre stata teatro di guerre di religione, soprattutto per colpa dei Savoia che periodicamente, su istigazione e minaccia di scomuniche da parte della chiesa cattolica, decideva una crociata contro i Valdesi. Anche prima nel 1560/61 c'era stata una cosa simile. A proposito delle Pasque Piemontesi consiglio la lettura del libro "Ascanio e Margherita" di Marina Jarre un romanzo molto realistico dell'editrice Claudiana di Torre Pellice che copre l'arco di tempo dall'aprile del 1655 fino alla Glorieuse Rentreé del 1689 di Henry Arnaud

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono passioni che si trasmettono e ti cambiano la vita. La storia è il tuo più bel regalo, mi hai contagiata con prepotenza di quella malattia che si chiama verità. Oggi non ne faccio più a meno, perché fra le righe dei libri che leggiamo vi è molto di nascosto. Come farò a sdebitarmi? Percorrendo questa lunga strada per far grande il nostro progetto. Rileggo con grande dolore e ammirazione per il tuo saper raccontare. Rosella

      Elimina
    2. Rosella grazie di cuore. Per me è una droga sin da ragazzino. Purtroppo segui un percorso di studi che si rivelò sbagliato, ma non possiamo tornare indietro, possiamo e dobbiamo andare avanti con un occhio al passato. Sdebitarti? per cosa? E' un enorme piacere averti contagiato in questo magnifico percorso di studio, ricerca e divulgazione.
      Fabio

      Elimina

Posta un commento