Il Diavolo a Torino?

Torino
Luci ed ombre di Torino
Se c'è la luce ci dev'essere anche il buio, le ombre esistono proprio perché c'è il sole, e la stessa altura può essere salita o discesa a seconda del verso con cui la si affronta.
L'anima di Torino è uno yin & yang in equilibrio sulla duplicità che fa muovere il mondo, fra demoni e santi, magia nera e magia bianca.C'è un flusso di energia che scivola, corre attraverso la sua spina dorsale, e che si muove cambiando, fino a diventare l'esatto contrario di se stesso, eppure mantenendo la stessa natura - come uno specchio che riflette al contrario, come un'inversione dell'ordine delle lettere che cambia il senso di una parola.
Parte come luce, bianca, pura ed eterea, dai piedi della collina, dalla Chiesa della Gran Madre, considerato il polo dell'energia positiva della città; scivola verso il mistero, capisce che per conoscere deve contaminarsi d’ombra, trova il suo equilibrio sospesa fra le braccia dei Dioscuri in Piazza Castello - ed infine, in Piazza Statuto, dall’ombra si lascia sedurre, immergendosi completamente nelle sue ossessioni e nei suoi batticuori.
Diavolo o Monumento ai Caduti del Frejus Piazza Statuto Torino
Monumento ai Caduti del Frejus, Piazza Statuto (Torino)
Piazza Statuto è dove tramonta il sole, è vicina a quel Rondò dla Forca dove per secoli il boia ha compiuto il suo mestiere, confina con l’antica necropoli che si estendeva fra l’attuale via Cibrario e corso Francia - ed è considerata il polo dell’energia nera della città.
Quale fra questi elementi sia conseguenza ed effetto dell’altro, chi lo sa.
Le ombre invisibili che ribollono in Piazza Statuto sono sormontate dal cumulo piramidale di rocce del Monumento ai Caduti del Frejus.
Il Monumento celebra la realizzazione del traforo ferroviario che collega l’Italia con la Francia e che fu realizzato nel 1870 con una complessità tecnica che comportò un alto grado di rischio - tanto che, fra i quasi 4000 operai che vi lavoravano, 48 persero la vita.
Sulla piramide di rocce arrancano sfinite, sconfitte marmoree figure maschili: sono i Titani? O sono i caduti?
In cima, lui.
Diavolo o Monumento ai Caduti del Frejus Piazza Statuto Torino
Una figura alata, scura e bellissima, elevata a mezz’aria, ancora un po’ più in sù di quanto la materia riesca ad arrivare. Guarda in basso verso gli altri che arrancano sulle rocce, con le mani tese e rigide verso il basso, come se li volesse respingere, o, forse, condannare.
Ufficialmente si presenta come il Genio della Scienza: è la ragione, la conoscenza che surclassa la forza bruta dei Titani? O forse i lavoratori caduti per il Traforo sono delle vittime sacrificate sull’altare del progresso?
O forse…
Diavolo o Monumento ai Caduti del Frejus Piazza Statuto Torino
C’è chi sostiene che questa figura scura e dominante non sia un Genio, bensì un Angelo.
Un Angelo bellissimo ed ambizioso, un Angelo ribelle che finì per osare troppo, per volere troppo e venne scacciato - un Angelo portatore di luce che venne fatto prigioniero dell’ombra.
La sua vera identità verrebbe svelata dalla stella a cinque punte che gli brilla in fronte, simbolo suo e delle lusinghe della sua dannazione.
Diavolo o Monumento ai Caduti del Frejus Piazza Statuto Torino
Ma il pentacolo in realtà è un simbolo esoterico ambivalente, che cambia significato a seconda del contesto - proprio come ambivalente è la natura di Torino: non richiama il Male, ma il collegamento fra il microcosmo ed il macrocosmo, l’uomo e l’universo, gli elementi base del creato, Terra, Aria, Acqua, Fuoco e Spirito, ciascuno posto a brillare su una punta della stella per consentire alla scienza di svelarne i segreti, al sapere umano di progredire.
E allora, forse, il flusso di energia che scorre nel centro di Torino, e che passa dalla luce della Gran Madre all’ombra di Piazza Statuto, non si incarna in un Angelo caduto, ma nel perpetuo, secolare dualismo fra Fede e Scienza: la Fede della statua cieca che regge il calice sul sagrato della Gran Madre, e la Scienza del genio alato che si eleva sopra i detriti rocciosi della Piazza.
Chissà quale delle due è la luce e quale l’ombra.
Forse lo sono entrambe, in base a come le si guarda.
A volte il Bene ed il Male dipendono da che parte ci si trova.
E da dove si sceglie di essere...

Serena Chiarle

Commenti

  1. Grazie, che bel post su una città che ancora conosco pochino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te! Continua a seguirci ce ne saranno degli altri :-)

      Elimina
  2. Sapevamo che Torino è in un asse un pò particolare ma questa storia non la conoscevamo! davvero interessante!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì! Se vi interessa c'è anche un articolo sul "polo positivo" (la Gran Madre e il Graal) :-)

      Elimina
  3. Che post interessante, adoro i blog di viaggio, ma il vostro è molto simpatico e ingegnoso!
    Se vi va, date un'occhiatina al mio blog-diario personale. Buona serata!

    diariodiunasquinternata.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ali!
      Passerò da te più tardi ;-)

      Elimina
  4. Mi dicevano che a Torino, in via Pallanza c' era un abitazione infestata dal demone, è vera questa cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Benedetto.
      Non ne ho mai sentito parlare a dire la verità... ma indagherò!
      A presto

      Elimina

Posta un commento