Capraia, ultimo paradiso

E' un fazzoletto di terra  circondato dal mare. E' un fazzoletto di terra  vulcanica dai colori svariati e sgargianti, immerso nel  blu del mare  mediterraneo, incorniciato da  un cielo terso...E' una piccola  isola, talvolta  in  balia  dei  venti e delle  correnti  marine, selvaggia, incantevole come una bellissima  donna e, come  tale  seducente ammaliatrice.
Ma in  un  luogo come  questo  puo'  accadere  di tutto...Ci  si puo'  perdere...Ci  si  puo'  ritrovare  nell'essenza  piu'  intima, piu'  vera e  genuina!
E' quello che è capitato a Rossana Chierichetti e Massimo Schiavelli, gestori dell'Agriturismo Valle di Portovecchio. E' un luogo incantevole che domina tutta la baia del porto, posto proprio sopra la baia di Porto Vecchio, nonché buona parte dell'Isola di Capraia. 
Li abbiamo intervistati per "I viaggiatori ignoranti".
-Rossana, ci diamo del tu?
-Si',...Direi!
-Com'è vivere a Capraia?
-Bello perché tranquillo,in quanto immersi in un'isola selvaggia. In Capraia si ha veramente la sensazione di vivere su di un'isola. Una volta che il traghetto è partito... si è soli! Non è la stessa cosa che vivere all'Elba...

-Rossana e Massimo, Voi avete deciso di aprire un Agriturismo proprio nell'ex pollaio del carcere...Una bella scommessa...
-Direi di si'!Ancora non si sa quanto vi sia di coraggio o di incoscienza,...ma direi che certamente sia una gran bella scommessa.Ma ci siamo buttati e,...non ci siamo pentiti!
-Momenti critici?
-Certo! Tanti ! Per il momento tutti superati. La gratificazione è ancora maggiore. Massimo lavora la terra. Lavorare la terra qui è duro in quanto essa è arida. Pero' Massimo ci sa fare...Se la sai coltivare, si sa, frutta!


-Voi producete prodotti biologici. Quali sono i vostri articoli?
-Produciamo miele, confetture, marmellate e liquori. L'orto ci serve per la nostra cucina.
-Rossana...Tu sei la cuoca. Ci daresti una ricetta per i nostri lettori de :"I viaggiatori ignoranti"?
-Si! Direi i Calamari alle erbette che qui in Capraia si dicono Totani.


-Buono!Come lo prepariamo?
-Soffritto di sedano,carote e cipolle nonchè uno spicchio d'aglio.I totani sono freschi, tutti pescati da Massimo. Una volta puliti i totani,questi vengono tagliati a listarelle. A questo punto vengono messi a soffriggere con l'aggiunta di erbe di campo quali tarassaco,rapa selvatica, bietola e borragine. Quindi si aggiunge un poco di pomodoro, sale e pepe quanto basta e peperoncino a piacere. Cuocere per circa trenta minuti. A questo punto si serve in tavola.E...buon appetito!
-Buon appetito! E grazie,anche a nome di tutti "I viaggiatori ignoranti".
E' ormai sera mentre una lieve brezza di scirocco accarezza le cime degli alberi . Rossana è rientrata a cucinare . Mentre Massimo mi parla dell'isola, si leva il canto dei grilli ..
-Cosa vuoi voler di piu'...?...Il mio mondo è qui! Lei e l'isola sono qui...
Stasera avremo due prenotazioni per la cena...Poi se ne andranno...

In  lontananza  compaiono le prime luci   dei  locali. 
Noi  qui  adesso  siamo    soli ... immersi  nella  Natura. All'imbrunire  del  giorno, il profumo  dell'elicriso regala  sensazioni  indescrivibili  mentre i lecci  e  i  pini  e  le  piante  di  fico  d'india  disegnano  giochi di   ombre  suggestive  che incantano sotto  un  cielo ormai  trapunto  di  stelle.
Il  buio  lentamente  cala  il  sipario  sull'isola  di  Capraia,  mentre  un'ultima  onda  muore  sugli  aspri  scogli  ormai  consunti  e  levigati dai  flutti.


Fabio  Vigano'

Commenti

Posta un commento