Portofino. Un orlo di case liguri strette e colorate.

Situata all'estremità meridionale del monte di Portofino, attorno ad una piazza marina e su di un ramo del porto naturale.
Portofino è un orlo di case liguri, strette le une alle altre, colorate ed alte sulla marina sottostante.
Alle spalle dell'insieme ordinato di case vi troverete un bosco di lecci e pini, alla cui ombra riposano, stanche, le ville che videro la vita intensa nel periodo a cavallo tra l'ottocento e gli inizi del novecento.
Il borgo ligure di Portofino era un rustico insieme di pescatori, rudi e determinati.
Nel passare del tempo ha cambiato fisionomia divenendo luogo di mondanità e ricchezza.
Il villaggio ha storia antica, prima ancora dei pescatori era denominato "portus delphini". Tale indicazione è riscontrabile negli scritti di Plinio.

Nel piccolo porto vi sono adagiate decine di imbarcazioni costose che stridono fortemente con il carattere della zona circostante.
Il porto è una insenatura naturale dove da una parte vi è il mare aperto e dall'altra la piccola baia. A fare da cornice vi sono il castello e la chiesa, entrambi intitolati a San Giorgio.
Una visita al castello si potrà concludere con l'accesso al faro di punta del Capo da cui si gode una meravigliosa vista sul golfo del Tigullio e sulla costa sino a Sestri Levante.

Ridiscesi in direzione del porto una piccola escursione alla Chiesa Parrocchiale di San Martino è consigliabile, non fosse altro per godere della facciata e del campanile policromi. Una volta che darete le spalle alla chiesa potrete apprezzare il piccolo borgo dall'alto.
L'accesso a Portofino è regolato da stringenti misure di tutela ambientale. Da consigliare la passeggiata che da Paraggi conduce al borgo, nascosta dal verde lussureggiante del bosco che dona ombra e tranquillità al visitatore.

Fabio Casalini.

Commenti

  1. Risposte
    1. Grazie Anna!!! visione particolare. Basso/alto rende molto in queste circostanze!!

      Elimina

Posta un commento