Quella formidabile esplosione della Valle di Antrona!

Per raggiungere il lago dell'Alpe Cavalli, chiamato anche di Cheggio in riferimento al piccolo alpeggio sorto nei pressi della diga, si segue la  superstrada che da Gravellona Toce conduce al Passo del Sempione sino all'uscita di Villadossola, dove si imbocca la strada che conduce in Valle Antrona. 
Si sorpassano i paesi di Montescheno, Seppiana, Viganella ed Antronapiana dove vi è indicazione per raggiungere l'alpe Cheggio.
Lasciata l'autovettura al parcheggio ci si sposta in direzione della diga ben visibile dall'alpeggio.

Superato il muraglione della diga ci si addentra nel bosco costeggiando il lato sinistro del lago; dopo circa una mezzora di passo calmo e soffermandosi ad ammirare le bellezze della natura si giunge in prossimità di un piccolo ponte posto sul torrente Loranco; lo si attraversa e ci si alza ad ammirare il lago dalla sommità di una collinetta. Qui il sentiero si dipana in due direzioni: proseguendo a destra si effettua il giro completo del lago tornando al punto di origine dell'escursione; se invece si prosegue sulla sinistra si imbocca il sentiero che in 1h e 30 minuti ci porterà al rifugio dell'Andolla, posto sotto la cima omonima.
Il lago odierno è situato nella conca di un antico lago glaciale a valle del quale un imponente cordone morenico formava un argine naturale.

L'antico lago scomparve per l'erosione del cordone morenico appena citato, diventando un verde pianoro, in parte paludoso, in cui scorreva il Loranco. Nel punto in cui il torrente aveva inciso profondamente il cordone venne edificata la diga in muratura, denominata "Alpe Cavalli".
Il pietrame utilizzato per la sua costruzione fu ricavato facendo esplodere una grossa mina a monte della diga. Per la costruzione della mina venne impiegato esplosivo normale integrato da quello proveniente da residuati bellici.
L'esplosione denominata "formidabile" fu ancora più spettacolare di quella di Campiccioli.
L'invaso è stato costruito tra il 1922 ed il 1926 per la regolazione annuale degli impianti idroelettrici della Valle Antrona. La diga è del tipo a gravità in muratura di pietrame a secco.
La diga è alta 41 metri e larga 165 metri. Le acque del lago dell'alpe Cavalli vanno ad alimentare la centrale di Rovesca.



Fabio Casalini

Commenti

  1. Bello esserci stata e rivederlo in foto coi colori di un'altra stagione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna scusa, ho letto solo ora a distanza di mesi il tuo commento!!!
      La miglior stagione per l'Antrona è sicuramente l'autunno!!! Colori unici.

      Elimina
    2. È facile perdersi qualcosa vista la quantità di meravigliosi post pubblicati! ;)

      Elimina
    3. Anna ho visto il commento con oltre due anni di ritardo.
      Siamo ancora amici per fortuna...
      Fabio

      Elimina
  2. grazie mille per l'articolo che hai pubblicato ^_^ (angelo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Angelo!! figurati è un grandissimo piacere!

      Elimina
  3. Luoghi spettacolari da visitare assolutamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio l'autunno per i magnifici colori che le montagne assumono e per la scarsità di popolazione umana presente.
      Fabio

      Elimina

Posta un commento