Le case troglodite di Matmata.

Il villaggio troglodita di Matmata è divenuto famoso sul finire degli anni settanta per essere stato il set del del IV capitolo della saga guerre stellari, Una nuova speranza.
Da allora il numero dei turisti si è incrementato di anno in anno anche grazie allo sviluppo dei tour organizzati dalle compagnie di viaggio che lo hanno inserito tra le mete irrinunciabili del deserto tunisino.


Il paese è posto a circa 600 metri sul livello del mare e si trova ai margini del deserto del Sahara.
Il motivo per il quale vale davvero la pena passare una giornata in questo luogo sono le case troglodite. 
Sono abitazioni scavate nel terreno nelle vicinanze delle colline. 
Assomigliano a crateri formati dalla caduta di meteoriti.


Per accedere alle abitazioni bisogna percorrere delle gallerie scavate nelle colline attigue al cratere; questo arriva ad una profondità vicina agli 8 metri. Giunti nel "cratere" si capisce di essere in un giardino che ha due compiti: il primo quello di raccogliere la scarsa acqua piovana, il secondo di essere anticamera per i diversi ambienti della "casa" scavati nella terra.


La domanda sorge spontanea, perché costruire abitazioni in questo modo? la risposta che mi è stata data e che ha una logica è quella della temperatura degli ambienti. Nei periodi estivi le temperature del luogo possono avvicinarsi anche ai 45°. Il fatto di aver costruito case scavate nel sottosuolo permette che le stesse rimangano temperate, senza assimilare l'enorme quantità di calore delle ore diurne.


















Le strutture abitative sono su due livelli. Quello che possiamo chiamare il piano terreno è adibito ad abitazione vera e propria. Il piano superiore, spesso accessibile solo attraverso delle funi che permettono la risalita, sono adibiti a depositi di granaglie.
Un'annotazione è quella che riguarda la salute degli abitanti; da quanto appreso sembra che il clima secco e temperato permetta agli abitanti di tenersi in una buona forma generale.
Nelle vicinanze di Matmata sono presenti altri villaggi trogloditi che hanno mantenuto distacco dalle rotte del turismo e possono essere considerati più "veri".
Una visita in Tunisia senza un passaggio in queste zone lunari sarebbe una perdita che il luogo non merita.



Fabio Casalini.

Commenti