Chi parte male può finire bene: quattro passi a Mergozzo.


Il Telefono squillava.
Era mia sorella che proponeva una gita pomeridiana, in un posto con vista spettacolare sul Lago Maggiore, chiese e cappelle (per accontentare il nostro lato culturale) e trattoria con tagliere-merenda (per accontentare il nostro lato goloso).
Che dire?
Ottima idea!
Ma, all'arrivo, c'era una sorpresa: tutto riservato per un matrimonio! Uffa....
Gironzolando qualche minuto abbiamo visto ben poco: invitati sparsi ovunque e la vista spettacolare era dalla trattoria.
Quindi abbiamo fatto marcia indietro un po' delusi ma decisi a stare ancora in giro e ci siamo diretti verso Mergozzo ed il suo lago, zona a noi sconosciuta o quasi....





Siamo arrivati al piccolo borgo affacciato sullo specchio d'acqua.
Si faceva tardi, era sabato e i locali iniziavano a riempirsi, quindi abbiamo subito voluto recuperare la mancata merenda cercando un ristorante per cena.



Intanto è spuntata la luna e la sera ha iniziato lentamente a scendere, mentre noi salutavamo il lago ed iniziavamo a curiosare intorno alla Parrocchiale della Beata Vergine Assunta osservando gli scorci lungo strette vie e scalinate, tra fiori e case poi le classiche foto ricordo, a noi (per una volta che non siamo in giro soli soletti, approfittiamone!) e alle barche.




Infine gli ultimi passi verso la macchina, continuando inevitabilmente a girare lo sguardo verso il lago e la luna.

Anna Bernasconi by annabernasconi.blogspot.com

Commenti