Sarzana, una città dal cuore grande.

Sarebbe un vero peccato se, passando per la Lunigiana, non vi fermaste a visitare Sarzana!
Merita…Non ci sono parole adeguate per rendere al meglio la sorpresa che l’antica colonia romana di Luni vi riserverà. A parte il calore delle persone che si faranno in quattro per meglio consigliarvi,scoprirete un mondo nascosto,come racchiuso  in uno scrigno.
Raggiungo Sarzana che è tardo pomeriggio. Parcheggio poco distante dal centro storico e,come prima cosa visito la Pieve di Sant’Andrea e la Cattedrale di Santa Maria Assunta. La Pieve risale al X° secolo D.C. e si caratterizza per struttura medioevale.
La facciata presenta a lato un  bel campanile dalle eleganti bifore,trifore e quadrifore,mentre un Sidus,stella ad otto punte, collocata sopra il portale, ne impreziosisce la struttura. Il portale è postumo rispetto la data di costruzione della Pieve di Sant’Andrea. 
Sarebbe risalente al cinquecento. L’interno è a pianta rettangolare con belle arcate caratterizzate  da decori. 
Da vedersi, nel presbiterio, il bel fonte battesimale marmoreo attribuito al Morelli. La cattedrale di Santa Maria Assunta,inizia ad essere costruita nel duecento!
Viene  terminata soltanto nel 1474 D.C! 
Di stile romanico-gotico ha una fantastica facciata in marmo con relativo rosone gotico,caratterizzata dalla presenza, in alto a sinistra, della cosiddetta Elsa di Spadasorta di Excalibur che ne  trafigge il marmo rimanendovi  intrappolata!
Oscuro il motivo della sua reale presenza!.
All’interno vi trovo dipinti pregevoli di Domenico Fiasella, artista locale del cinquecento.
Si segnala inoltre un crocefisso dalle mirabili fattezze , meglio noto come Croce di Mastro Guglielmo, risalente al 1138.
Vista l’ora mi reco immediatamente  a visitare La Cittadella di Sarzana e la Fortezza di Firmafede eretta da Lorenzo De’ Medici, detto il Magnifico.
Rientro in centro storico.
Rimangono solo due porte risalenti alle antiche mura: Porta Parma e Porta Romana.Deciso, mi reco verso Porta Romana.Li’,mi han  suggerito di andare a cenare ! Osteria dei Sani è il nome del locale.
Non fatevi ingannare dalla prima impressione!! 
Si mangia in strada! 
E' il suo bello!!! 
Li' troverete oltre ad un servizio ottimo anche sapori raffinati. Riusciranno a stupirvi con cibi all’apparenza semplici ma che al palato parranno  essere da subito frutto di sapienza culinaria. La cucina è una cosa seria! Mangio tagliolini con fiori di zucca, bacon e mozzarella di bufala. A seguire ho chiesto  delle coscette di pollo marinate al vino rosso e salsa di mele…La curiosità m’intriga!
Il tutto ,bagnato da  rosso locale! 
E faccio bene a lasciarmi tentare….Inutile dirvi che l’esperienza in questa Osteria sia stata indimenticabile!
Il prezzo? Onesto! Anzi…Mi sarei aspettato di più’ visto che al primo ed al secondo ho poi assaporato bruschetta, tris di formaggi, caffè e grappino…
Via! Un grappino s’impone! 
Giusto per chiudere in bellezza!!! 
Troverete l’Osteria in via Torrione Testaforte. 
Devo solo aggiungere che il menu’ viene variato ogni  tre, quattro settimane.
Potrete gustare carne,pesce e cibo vegetariano! 
All’Osteria dei Sani termina  in modo eccellente la mia visita alla citta’ di Sarzana! Non son riuscito a rivedere quel capolavoro della Chiesa di San Francesco. 
A voi mi permetto di suggerirne la visita, come a Casa Bonaparte, al Teatro Impavidi nonché Palazzo Perentucelli-Calandrini, nonché il Palazzo Comunale di Sarzana. Parola d’ignorante! Gustatelo nel contesto della piazza,magari la sera… in dolce compagnia.
Vi stupira’!
                                                                                                                                                            

Fabio Vigano’




Commenti