Post

Giovanni Antonio Bazzi, detto Il Sodoma, e quelle maledette malelingue

Giovanni Antonio Bazzi nacque a Vercelli nel 1477 da un calzolaio originario di Biandrate, Giacomo, e da Angela da Bergamo. All'età di tredici anni iniziò il suo apprendistato entrando a lavorare nella bottega di Giovanni Martino Spenzotti, una delle principali figure del rinnovamento rinascimentale della pittura in Piemonte. Giovanni Spenzotti è ricordato per lo splendido ciclo di affreschi, raffiguranti la vita di Cristo, che si trovano nella chiesa dedicata a San Bernardino nella città piemontese di Ivrea. Giovanni Antonio all'età di 21 anni, nel 1498, si trasferì prima a Milano e successivamente a Siena dove, nel 1501, prese residenza stabile. Il Bazzi fu operativo anche a Roma: nel 1508 Papa Giulio II gli affidò le decorazioni del soffitto delle stanze di Raffaello della Segnatura in Vaticano. Questo luogo è uno degli ambienti delle stanze abbellite da Raffaello e fu la prima ad essere decorata nel periodo compreso tra il 1508 ed il 1511. Il luogo prende il nome dal più al…

La bestia di Cusago, la lupa che divenne antropofaga

La strage del treno 8017, un disastro ferroviario dimenticato

Cenerentola, una favola che ha attraversato la storia

Mary Ann Cotton, la vedova nera

Giuseppe Pellizza da Volpedo, dal Quarto Stato al suicidio

Gianni Rodari e quei libri bruciati negli oratori