domenica 24 settembre 2017

Giovanna d'Arco, la ragazza che sentiva le voci e che fu condannata al rogo

Nel 1420 la Francia era in preda ad intestine discordie, a guerre sanguinose che recavano nel suo seno gli stranieri. Epoca nella quale Giovanna d'Arco, ispirata e calda di sacro cristiano entusiasmo, si affacciava alla vita. Il 21 maggio dello stesso anno fu stipulato il trattato di Troyes con il quale Carlo VI di Francia piegava la schiena in favore di Enrico V re d'Inghilterra. 

mercoledì 20 settembre 2017

Il macabro processo al cadavere decomposto di un Papa

Tutto quello che vi racconterò è realmente accaduto, anche se a molti potrebbe ricordare un buon romanzo storico. 
Correva l'anno 872 quando al soglio che fu di Pietro salì Giovanni VIII, esponente della fazione filo-francese che da tempo combatteva idealmente e materialmente l'opposizione filo-germanica.

martedì 19 settembre 2017

Dura ed Estrema

Ci sono nomi onomatopeici, che già con il loro suono ti danno l’idea di ciò che sono chiamati ad identificare. Ci sono nomi descrittivi, che da soli già ti raccontano qualcosa di ciò a cui danno il nome.

lunedì 18 settembre 2017

Diga del Gleno 1923, la morte scorre a valle


Lo sfruttamento idroelettrico in Italia delle valli alpine è indubbio e tutt’ora sotto gli occhi di tutti. Sono moltissime le opere che hanno cambiato il nostro paesaggio, cancellando paesi, creando laghi, abbattendo montagne.

domenica 17 settembre 2017

La Bibbia del Diavolo, misteri e leggende del libro più grande del mondo

Agli inizi del XIII secolo in un piccolo monastero benedettino di Podlazice, in Boemia, un uomo decise di ritirarsi all'interno di una piccola cella per realizzare un'opera che potesse glorificare il monastero e l'ordine al quale apparteneva.

venerdì 15 settembre 2017

La leggendaria voglia di chinare il capo di fronte al potere

Uno sguardo letale, la lingua penzolante, un rivolo di sangue, una moltitudine di serpenti e il corpo pietrificato. Questo insieme disparato e strisciante potrebbe rappresentare l'incubo di molti esseri umani.

martedì 12 settembre 2017

Quella strage silenziosa che si sta consumando in Africa


Quanto vale la vita umana?
Nel 2017 poco, lo vediamo ogni giorno sui giornali o nei TG.
Si uccide per un posto auto, per una spinta involontaria, per uno sguardo verso la persona sbagliata, per un sorpasso. Calci, pugni, coltellate, investimenti, revolverate, sprangate.

sabato 9 settembre 2017

Le Gole del Verdon, il Grand Canyon d'Europa

Tra la costa azzurra e la Provenza, a poco meno di un’ora d’auto da Cannes, le impressionanti gole del fiume Verdon tagliano la lussureggiante terra per oltre 20 Km regalando al visitatore viste mozzafiato su pareti a strapiombo che si gettano nel colore verde smeraldo del fiume che nasce presso Barcelonette nelle Alpi della Haute Provence e che, in millenni di lenta erosione, ha modellato questo scenografico passaggio.  

venerdì 8 settembre 2017

Giovanni Antonio Bazzi, detto Il Sodoma, e quelle maledette malelingue

Giovanni Antonio Bazzi nacque a Vercelli nel 1477 da un calzolaio originario di Biandrate, Giacomo, e da Angela da Bergamo. All'età di tredici anni iniziò il suo apprendistato entrando a lavorare nella bottega di Giovanni Martino Spenzotti, una delle principali figure del rinnovamento rinascimentale della pittura in Piemonte.

giovedì 7 settembre 2017

Parigi, le Muséum, l'origine della specie e Edgar Allan Poe

Parigi è sempre Parigi, e ovviamente lo è per tanti motivi. Uno dei tanti è che, come tutte le grandi città con qualche secolo di storia alle spalle, anche all’ennesima visita puoi scoprire qualcosa di nuovo e affascinante, percorsi ed intrecci che potresti approfondire e prolungare all’infinito.

mercoledì 6 settembre 2017

Pietro Fenoglio, uno dei maggiori interpreti del Liberty in Italia

Pietro Fenoglio è considerato uno dei personaggi di maggior spicco dell’ Art Nouveau nota in Italia come stile floreale o stile Liberty. Nato a Torino nel 1865 da una famiglia di costruttori edili frequentò la Regia Scuola di Applicazione per gli Ingegneri di Torino e dopo essersi laureato nel 1889 iniziò un’intensa attività professionale, raggiungendo rilevanti risultati in ambito edilizio.

venerdì 1 settembre 2017

La regina cattiva del Duomo di Naumburg

Non c’è dubbio che i film animati, in particolare quelli storici della Disney, siano da considerare al pari livello di qualunque opera cinematografica, e spesso meritando la qualifica di autentiche opere d’arte.

giovedì 31 agosto 2017

Il sangue dimenticato. Il massacro del Marias River

Giovane donna Blackfoot (indigenous picture)
Tra tutti i massacri perpetrati nell’800 nei confronti dei nativi e riconosciuti nel tempo dagli Stati Uniti, alcuni ben noti al grande pubblico grazie all’attenzione di registi, scrittori, poeti e musicisti, esiste un fatto gravissimo ed impunito, forse più efferato del Sand Creek, più infame di Wounded Knee, sul quale per oltre un secolo è calato il silenzio: nessun film, nessun libro, nessuna canzone sono mai stati dedicati esclusivamente a quella che fu una delle peggiori carneficine del Far West, ignorata anche dalla maggior parte degli storici delle guerre indiane.

giovedì 24 agosto 2017

Il tempio dell'impossibile


E alla fine bisogna fare i conti anche con lei. La costruzione più ambiziosa, più stravagante, più concettualmente impegnativa e più realizzativamente colossale di tutto il secolo che abbiamo alle spalle (ed è partita nel secolo ancora precedente, nel 1883).

martedì 22 agosto 2017

Il dominio delle curve. La Barcellona di Gaudì

Proseguendo nella visita Barcellonese attraverso i classici percorsi dell’architettura di Antoni Gaudì, immancabile seguitare il viaggio nell’immaginazione che si fa forma affrontando Casa Milà, detta anche la Pedrera, enorme palazzo che si affaccia maestoso e inquietante sul Passeig de Gràcia, la grande arteria centrale del quartiere modernista dell’Eixample.

lunedì 21 agosto 2017

L'immaginazione materializzata. La Barcellona di Gaudì

Difficile immaginare cosa sarebbe Barcellona se non avesse avuto fra i suoi più illustri cittadini (forse il più illustre, di sicuro il più straordinario) Antoni Plàcid Guil-lem Gaudí y Cornet, detto Antoni Gaudì, architetto. 

domenica 20 agosto 2017

Siede accanto a Cristo. Il cenacolo di Leonardo: il suo amante è qui!

"In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà" . I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse : “Di’, chi è colui a cui si riferisce?”.  Ed egli reclinandosi così sul petto di Gesù, gli disse: “Signore chi è?”
-dal Vangelo secondo Giovanni -



1495-1498 Milano, Convento di Santa Maria delle Grazie, ex refettorio adiacente. L’affresco tradizionale andava contro la sua natura meditativa, riflessiva e mutevole. Egli amava tornare sui suoi lavori per modificarli, stravolgerli o intensificarli. Le pareti esigevano velocità nella stesura a causa dell’essiccazione dell’intonaco. Il muro con la sua venatura statica era un limite espressivo, l’opacità che rifletteva, non donava la luce, che l’olio su tela emetteva. Ed egli tramite la luce evocava i “Moti dell’Anima”, l’arte di imprigionare i sentimenti, le emozioni ed il pensiero dei suoi personaggi, come se la scena si svolgesse nel medesimo istante della nostra visione. In un eternità di volte. Una rivoluzione, non una rievocazione, ma una partecipazione presente dell’evento. Leonardo escogitò una nuova tecnica, per render l’affresco come una grande tela, fallendone il risultato pochi anni dopo il termine della grandiosa opera, che a causa dell’umidità, e dei composti utilizzati, andava deteriorandosi velocemente.

Dopo questa breve introduzione, vorrei però non soffermarmi sul lato tecnico dell’opera, ma bensì sul suo significato forse più autentico, e per capirlo forse bisognerebbe chiedersi chi fosse il grande maestro.
Leonardo, uomo dal genio indiscusso, versatile artista, scienziato dall'aspetto incantevole, Vasari lo descriverà come l’essere più bello di Firenze, artista che pose al centro di ogni ricerca l’uomo, in quel clima rinascimentale, umanistico di fiducia di centralità assoluta; l’umanità che grazie alla pensiero, al vero, al giusto ed il bello poteva risorgere, e in armonia comprendere l’universo.
Leonardo fu un’uomo di poca fede religiosa, la ritrovò solamente in punto di morte, quei dogmi religiosi urtavano la comprensione dei fatti basata su prove analitiche.
Di buon carattere, scherzoso e giocoso, amava circondarsi dei suoi giovani apprendisti di bottega, ma amava anche la solitudine, nella quale trovava la completezza per creare.
L’uomo di scienza più grande del suo tempo, che fu non compreso ed accettato dalle accademie, per il semplice motivo della non conoscenza del latino. Lingua di tutto il sapere.
Qui forse con cautela e disaccordo di molti, vorrei raccontarvi l’inclinazione omosessuale del genio toscano; non per crearne clamore, ma bensì come chiave di lettura per molte sue opere.
Ricordo d’infanzia di Leonardo “Codice Atlantico”
...Nella prima ricordazione della mia infanziae mi parea che, essendo io in culla, che un nibbio venisse a me e mi aprissi la bocca con la sua cosa e molte volte mi percotessi con tal coda dentro le labbra.
L’interpretazione di questo sogno fu analizzata da Freud e da Jung, decifrando il nibbio nella figura della madre, mentre la coda è il pene che il fanciullo ha pensato come attributo sessuale della madre; da seno dell'allattamento, diviene un pene, in un atto di sesso orale passivo.
In seguito il 9 aprile 1476 Leonardo fu denunciato anonimamente insieme ad altri uomini con l’accusa di sodomia nei confronti del giovane Jacopo Saltarelli, l’artista fu assolto grazie alla sua fama e conoscenza, la condanna avrebbe posto termine alla vita dell’artista.
Ma la chiave di tutto resta lui, Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì (diavolo, nomignolo datogli dal maestro).
Allievo prediletto, che divenne una delle persone più vicine al maestro, dal carattere enigmatico, tentatore, irrequieto, dall'aspetto femmineo, fu utilizzato da Leonardo come modello per la sua raffinata bellezza in nudi erotici e ritratti ammalianti.
Seguii da Vinci in tutti i suoi viaggi e fu presentato nelle prestigiose corti in cui si recavano.
Corse in Francia al peggioramento di salute di Leonardo, ma non ci fu nel suo ultimo istante.
Ereditò dei quadri dal maestro, ma molto di questo personaggio è ancora velato dal mistero.
Il Cenacolo.
Cristo domina la scena centrale, isolato, il volto chino verso il basso, rassegnato dalle parole appena annunciate.
Alla sua destra a differenza di altre opere che rappresentavano la stessa storia, Giovanni non è reclinato sul petto di Gesù per il semplice motivo che Leonardo narra la scena precedente.
La certezza che quel Discepolo sia Giovanni e non una donna è data dal fatto, che egli non poteva mancare in una rappresentazione iconografica, essendo l’apostolo più caro a Cristo, alla quale venne affidata la madre, quando morente si trovava in croce, e fu l’unico apostolo ad osservarne l’intero calvario e la deposizione del suo corpo dalla crocifissione.
Inoltre la raffigurazione di Giovanni con tratti effeminati era una ricorrenza classica del personaggio, per esaltarne la purezza e la sua giovinezza.
Ma osservando bene il volto del Giovanni di Leonardo, si possono riconoscere tratti del viso del sui allievo, il Salaì.
Un’individuo perfetto che racchiude l’essenza maschile e femminile in un unico corpo, che possiede il carattere e la forza di un uomo ma anche la passione, la sensibilità e l’amore di una donna.
Una bellezza autentica che Cristo sceglie ed ama, come ogni diversità punita dalla società di allora , di oggi, come la prostituta che egli salva ed accoglie, la Maddalena.
Un giovanni che svela la natura dell’amore per quel ragazzo da parte del maestro, e che celebra senza vederne il male in segreto  ma al corrente del messia.
Un giovanni Apostolo che dagli scritti non ebbe mai moglie, che passava il tempo con Maria e le altre donne, un Giovanni che in forma platonica amava Cristo.
E la mancanza del Calice di Cristo sulla tavola?
L’Apostolo Giovanni non lo ha mai citato nel suo testo.

Simone De Bernardin

sabato 19 agosto 2017

La storia del paese scomparso di Agaro

Agaro era il comune più alto e isolato dell’Ossola. Il luogo della sua edificazione fu scelto molti secoli fa dalle genti Walser provenienti dal vicino Canton Vallese, e più precisamente dalla soleggiata e lussureggiante Valle di Goms, intorno all’VIII secolo. Ma una data precisa per quello che concerne Agaro non l’abbiamo.  A 1561 metri, stretto fra le montagne, questo piccolo paese era costruito in una conca alluvionale formata dalla confluenza del Rio Topera, del Rio Bionca e del Rio Pojala.

martedì 15 agosto 2017

La leggenda di Misurina

La sovrumana bellezza delle montagne dolomitiche giustifica la nascita di mille leggende, e fra queste forse una delle più belle, e anche per questo fra le più famose, riguarda il lago di Misurina, incastonato come uno smeraldo verde fra le tre cime di Lavaredo, del Monte Cristallo e del gigante Sorapìs. Le sensazioni quasi sovrannaturali che si possono provare al cospetto di quelle magnifiche vette dà conto e spiegazione delle meravigliose storie cui hanno dato vita. 

venerdì 11 agosto 2017

Una masca sotto processo

Durante il primo periodo della storia moderna, dal 1450 al 1750, migliaia di persone furono processate per il reato di stregoneria: oltre la metà di loro fu condannata a morte, solitamente il rogo.

giovedì 10 agosto 2017

Il gruppo Bilderberg e la storia della teoria del complotto

Il gruppo prende il nome dall'hotel de Bilderberg di Oosterbeek dove, il 29 maggio del 1954, si tenne la prima conferenza su iniziativa del banchiere statunitense David Rockefeller. La prima riunione avevo lo scopo di favorire la cooperazione tra Europa e Stati Uniti a livello politico, economico e militare.

sabato 5 agosto 2017

Il manoscritto Voynich, il libro più misterioso del mondo

Wilfrid Michael Voynich nacque a Grodno, nell'impero Russo, il 12 novembre del 1865 da una nobile famiglia polacco-lituana. Nel 1885 si unì alla rivoluzione del proletariato polacco e l'anno seguente, malgrado un'inutile tentativo di fuga, fu arrestato e incarcerato a Tunka, in Siberia.

mercoledì 2 agosto 2017

La morte dell'ultimo imperatore Inca, condannato al rogo dall'invasore spagnolo

Nel 1512, vent'anni dopo il primo sbarco di Colombo sul continente americano, una navigatore spagnolo, Vasco Nunez de Balboa, partì dall'Istmo di Darien, l'attuale Panama, a capo di una spedizione esplorativa diretta a Sud, nel bacino che si estende tra la Cordigliera delle Ande e la costa dell'Oceano Pacifico.

lunedì 31 luglio 2017

Lo scrigno prezioso di Sant'Ugo a Montegranaro

L’italia è piena di gioielli seminascosti. E’ banale dirlo ma è vero, e alcuni di questi sono senza dubbio poco conosciuti rispetto al loro valore e alla bellezza di cui sono portatori.

giovedì 27 luglio 2017

Camminando in montagna

Negli ultimi anni la “passione montagna” è esplosa nel cuore di molti italiani.
Le camminate di un giorno o più sui sentieri alpini, sono diventate un appuntamento fisso per molti di noi.
Ammirare i panorami che ci offrono le nostre Valli è rigenerante, riempie il cuore e gli occhi di bellezza e di serenità, che possiamo portare con noi per giorni una volta rientrati ai nostri doveri di donne e uomini in attività.