Post

Giovanni Antonio Bazzi, detto Il Sodoma, e quelle maledette malelingue

Giovanni Antonio Bazzi nacque a Vercelli nel 1477 da un calzolaio originario di Biandrate, Giacomo, e da Angela da Bergamo. All'età di tredici anni iniziò il suo apprendistato entrando a lavorare nella bottega di Giovanni Martino Spanzotti, una delle principali figure del rinnovamento rinascimentale della pittura in Piemonte. Giovanni Spanzotti è ricordato per lo splendido ciclo di affreschi, raffiguranti la vita di Cristo, che si trovano nella chiesa dedicata a San Bernardino nella città piemontese di Ivrea. Giovanni Antonio all'età di 21 anni, nel 1498, si trasferì prima a Milano e successivamente a Siena dove, nel 1501, prese residenza stabile. Il Bazzi fu operativo anche a Roma: nel 1508 Papa Giulio II gli affidò le decorazioni del soffitto delle stanze di Raffaello della Segnatura in Vaticano. Questo luogo è uno degli ambienti delle stanze abbellite da Raffaello e fu la prima ad essere decorata nel periodo compreso tra il 1508 ed il 1511. Il luogo prende il nome dal più al…

Sacra prostituzione

La politica tra finanze e lobbisti: storie di una lunga Storia!

La strana storia delle teste di Moro

L'ostetrica demone del Giappone

Maria I di Tudor e il sangue dei protestanti

Tra istruttorie ed Inquisizione: il primo Sindaco condannato a morte per stregoneria

Moche, civiltà del sesso?